Cerca

Muore azzannata dal suo cane

A Casarza Ligure, l'alano non aveva riconosciuto l'anziana donna, mamma della sua padrona. L'animale era considerato un vero «cucciolone»
CASARZA LIGURE (GENOVA) - Sgomento e dolore sono le prime sensazioni che si raccolgono in via San Lazzaro Superiore, la zona posta sulla sponda sinistra del torrente Petronio dove si trova l'abitazione di Maria Bellotti, l'anziana che ieri è stata morsicata a morte dal mansueto King, un alano maschio di tre anni, definito un cucciolone.
La figlia Annamaria Massucco, il marito ed il figlio venticinquenne sono distrutti da una tragedia impensabile ed incomprensibile visto che il fiero King non aveva mai dato fastidio e neppure manifestato aggressività; basti pensare, spiegano i vicini di casa, che veniva tranquillamente portato a passeggio al guinzaglio ma senza museruola.
«Era un cane bello e buono - commenta con amarezza una ragazzina che guarda il recinto vuoto e parla come se l'animale fosse morto - un giocherellone. Ora però avrei paura ad avvicinarlo».
Lui, uno splendido alano arlecchino, sembra tutto fuorchè un cane assassino. Con i suoi occhioni tristi è accovacciato isolato in un angolo e guarda con curiosità veterinario, carabinieri e cinefotoperatori fuori e dentro il giardino della casa di via San Lazzaro Superiore che lui ha difeso per tre anni da eventuali intrusi.
Il cane, secondo gli esperti, è di una razza non aggressiva e sicuramente ha colpito perchè si è trovato di fronte una persona non riconosciuta per via di un grande asciugamano bianco che le cingeva la testa.
Oggi, il giorno dopo la tragedia, è tornato ad essere il campione di sempre, fiero e pronto a prendere coccole, ma il reato commesso è di quelli pesanti e allora in base alla legge dovranno essere i legittimi proprietari a decidere le sue sorti visto che la persona offesa, ed in questo caso uccisa, è un diretto famigliare.
Un argomento delicato che Annamaria ed il marito Dante non hanno certo voglia di affrontare in un momento così doloroso. In queste ore concitate cercano disperatamente di darsi una ragione della tragedia.
«King è uno di famiglia - spiega Annamaria - un cane sempre affettuoso, anche con mia madre che lo frequentava forse più di noi. L'unica spiegazione è che il cane abbia avuto paura nel vedere mia madre con la testa e volto fasciati e quindi si sia sentito minacciato. Ora però siamo distrutti dal pensiero di avere perso mia madre in un modo così tremendo».
A Casarza Ligure non si parla d'altro. La signora Maria, la vittima, nonostante gli acciacchi dovuti all'età (89 anni ben portati) era comunque arzilla e completamente autosufficiente. Ieri, dopo essersi lavata i capelli, aveva deciso di farli asciugare in giardino con il solo ausilio di un asciugamano: gesti consueti che tuttavia devono aver fatto scattare una molla nel grosso cane che improvvisamente ha sferrato due morsi mortali. Una forza terribile sull'esile corpo della pensionata che ha avuto solo un filo di voce per chiedere aiuto.
Attimi convulsi, prima per allontanare e rinchiudere il cane, poi per chiamare i soccorsi. La figlia dell'anziana ha chiamato i militi dela Croce Verde casarzese.
«Una scena straziante - spiegano i volontari intervenuti -: la donna giaceva a terra in una pozza di sangue. Abbiamo subito intuito la gravità della situazione e rilanciato al 118 l'opportunità di far intervenire l'elisoccorso per puntare sull'ospedale S.Martino di Genova, ma essendo già impegnate le sale operatorie genovesi si è deciso di puntare sull'ospedale di Lavagna».
A bordo di una ambulanza scortata dai carabinieri l'anziana è giunta in una quindicina di minuti, poi tre ore di sala operatoria e quindi alcune ore di coma prima di cessare di vivere.
Ora a Casarza Ligure tutti si interrogano sui motivi che hanno indotto il cucciolone King ad agire in quel modo e sui possibili pericoli corsi in questi tre anni in cui l'alano è stato a contatto con adulti e bambini. Il cane però, come confermano i veterinari, appartiene ad una specie non pericolosa ed anche i genitori, che vivono in un piccolo allevamento locale, non hanno mai creato problemi. Insomma una tragedia non prevedibile e che al momento sembra non avere spiegazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400