Cerca

Notte di sangue sulle strade: 8 morti

In Piemonte un'intera famiglia è distrutta da uno scontro frontale; ad Arezzo un giovane è stato sbalzato e trascinato per 6 km; altri tre morti in Veneto
Notte di sangue sulle strade: 8 morti
DISTRUTTA FAMIGLIA SONO MORTI PADRE, MADRE E BIMBO DI UN ANNO
Una famiglia distrutta, con la morte del padre, della madre e del figlio di un anno: questo il bilancio di uno scontro frontale fra due auto avvenuto la notte scorsa poco prima dell'una sulla strada provinciale 139 nei pressi di Vigone, poco lontano da Pinerolo (Torino).
Nell'incidente hanno perso la vita Renzo Calvetto, 45 anni, la moglie Caterina Vaglienco, 33 anni, e il piccolo Alessandro di un anno, residenti a Cumiana (Torino). Si è salvato invece il figlio maggiore della coppia, un bambino di 6 anni, che è stato soccorso e ricoverato all'ospedale di Pinerolo.
La famiglia viaggiava a bordo di una 'Fiat Puntò, che si è scontrata violentemente con una 'Peugeot 206', sulla quale si trovavano due persone. I passeggeri della Peugeot sono rimasti feriti e si trovano ora ricoverati all'ospedale di Pinerolo.

SBALZATO DA AUTO E TRASCINATO PER 6 KM
Viene sbalzato fuori dall'auto che si ribalta ed il corpo, probabilmente ormai senza vita, viene investito da un mezzo pesante e trascinato per quasi sei chilometri. E'successo questa mattina alle 4,30 sulla E45, all'altezza dell'uscita di Sansepolcro Sud. La vittima è un ventitreenne di Città di Castello (di cui non è stato ancora diffuso il nome), che viaggiava a bordo di un'Audi 80, probabilmente condotta da un coetaneo, anche lui di Città di Castello che è rimasto ferito in maniera non grave.
L'auto con i due giovani a bordo stava percorrendo la corsia sud della E45 quando il conducente ha perso il controllo, forse anche a causa dell'asfalto reso viscido dalla pioggia. L'auto si è schiantata contro il guard rail centrale, lo ha superato e si è ribaltata nell'altra corsia di marcia. All'interno è rimasto intrappolato il conducente che è stato soccorso da mezzi del 118 e da una pattuglia dei carabinieri.
Il giovane ferito chiedeva ai soccorritori notizie del suo compagno di viaggio. Così i carabinieri si sono messi a cercare tutto attorno alla zona dell'incidente immaginando che il passeggero fosse stato sbalzato dalla vettura, ma non sono riusciti a trovare nulla.
Solo verso le 6 il mistero si è chiarito. Un automobilista ha segnalato la presenza di un cadavere in località Santa Croce, a sei chilometri dal luogo dell'incidente. Vista la dinamica dell'incidente i Carabinieri pensano che il corpo del giovane sia stato sbalzato fuori e sia stato investito e trascinato da un mezzo pesante che poi non si è fermato.
Il conducente dell'Audi stato ricoverato all'ospedale di Città di Castello. Guarirà in 25 giorni.

TRE MORTI NELLA NOTTE IN VENETO
E'di tre morti e quattro feriti il bilancio di due incidenti stradali avvenuti la scorsa notte in Veneto. Il primo si è verificato intorno alle 23.00, all'altezza di un cavalcavia nel comune di Montebelluna (Treviso), il secondo intorno all'una, a Galliera Veneta (Padova).
Nel primo sinistro, sulla strada regionale 348 «Feltrina», una Seat ha invaso la corsia opposta, probabilmente a causa del fondo stradale bagnato, scontrandosi con una Citroen che stava giungendo in direzione opposta. Entrambi i conducenti, Dario Pillon, 26 anni, di Mogliano Veneto (Treviso) e Daniele Deon (46) di Montebelluna (Treviso) hanno perso la vita.
Nel secondo, una Ford Fiesta guidata da A.Z., 26 anni, di Bassano del Grappa (Vicenza), non avrebbe rispettato la precedenza immettendosi nella strada principale da una laterale, ed è stata così centrata da una Peugeot 205. Il conducente della Fiesta è stato trasportato d'urgenza all'ospedale di Padova, dove però è deceduto intorno alle 5.00 di oggi. I tre occupanti l'altra vettura sono stati portati al nosocomio di Castelfranco Veneto (Treviso), dove sono state riscontrate loro lesioni guaribili da 7 a 30 giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400