Cerca

Amianto, interdetta la costa Sud del capoluogo pugliese

Il sindaco di Bari, Simeone Di Cagno Abbrescia, ha emesso un'ordinanza in tal senso dopo che l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente aveva verificato la presenza del materiale cancerogeno
BARI - Il sindaco di Bari, Simeone Di Cagno Abbrescia, ha emesso oggi un'ordinanza che impedisce la fruizione della costa a sud della città - per una decina di chilometri - fino alla frazione di Torre a mare. La decisione è stata presa in seguito agli accertamenti compiuti dall'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa), dai quali è emersa la presenza di amianto su tutta la fascia costiera.
Nella relazione tecnica dell'Arpa Puglia del 28 aprile scorso si rileva che dai sopralluoghi fatti su disposizione dell'autorità giudiziaria sul litorale a sud di "Torre Quetta", sul lungomare di Bari, fino al confine sud del lido della Polizia di Stato, a Torre a mare, si è accertata «la costante presenza di materiale contenente amianto lungo tutto il litorale ispezionato, anche nelle immediate vicinanze delle abitazioni (in particolare, villette in località San Giorgio)».
Nell'ordinanza sindacale si ricorda che il direttore del Servizio di Igiene e Sanità pubblica della Asl Bari4 in una nota del 27 maggio ha ravvisato «la necessità che si provveda, con la massima urgenza, alla interdizione dell'area in questione nonchè ai successivi interventi di bonifica con le metodologie specificate dall'Arpa Puglia». Il provvedimento del sindaco vieta l'accesso al tratto di litorale di Bari «a partire dal punto che dista 300 metri dal confine sud dell'area attrezzata "Torre Quetta" e in prosecuzione senza soluzione di continuità, verso sud, fino all'area adiacente il confine sud del lido "Polizia di Stato", a Torre a mare».
Nell'ordinanza si precisa, infine, che «è interdetta la fascia di litorale compresa fra il bagnasciuga e il marciapiede o la banchina stradale lato mare. Sono escluse dall'interdizione le aree interessate da impianti di stabulazione, attività di ristorazione (bar, ristoranti, pizzerie), insediamenti abitativi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400