Cerca

C'è rischio di blackout

Per lo sciopero dell'azienda elettrica francese ci potrebbero essere interruzioni sulla linea di fornitura per l'Italia. Il gestore italiano: nessuna comunicazione
PARIGI - C'è rischio di sospensioni di erogazioni di luce anche in Italia per la protesta contro la privatizzazione dei lavoratori francesi EDF-GDF: la CGT, il sindacato comunista, ha annunciato per oggi interruzioni dei contratti di fornitura con l'estero, in particolare con l'Italia.

Già questa notte si è registrato un calo dell'erogazione di elettricità in Francia di 10.000 megawatts. Stamane - mentre già quasi 50.000 lavoratori sono affluiti alla Bastiglia per una manifestazione nazionale - è stata tagliata la corrente per diversi minuti al quartiere parigino della Defense e in diverse città della Costa Azzurra.
Un calo netto della produzione in diverse centrali nucleari e in quelle termiche è stato annunciato dai sindacalisti CGT, mentre la direzione di EDF ha confermato il calo di 10.000 megawatts. «In mattinata - ha precisato la direzione - si registrano 6.000 megawatts in meno».
In conseguenza di questo calo di erogazione, la CGT ha appunto precisato che questa mattina ci sarà l'interruzione di alcuni contratti con l'estero, in particolare con l'Italia.

La CGT ha precisato che l'illuminazione pubblica è stata interrotta a più riprese in alcune città della sud come Marsiglia, Aix-en-Provence, Gardanne e Manosque.
Mezz'ora di buio stamattina anche nel quartiere dei grattacieli parigini, la Defense, con palazzi pieni di uffici impossibilitati a lavorare.
A Fos-sur-Mer, porto vicino a Marsiglia, alcune navi provenienti dall'Algeria non sono state scaricate e si è registrato un calo della produzione di gas.
Una fonte EDF a Parigi si è espressa in termini piuttosto rassicuranti sui pericoli di blackout all'estero affermando che i 6.000 megawatts di calo totale registrati questa mattina sono la metà di quanto fornisce la Francia alla sola Italia.

Il gestore italiano: nessuna comunicazione dalla Francia
Al momento non ci sarebbe nessun rischio di distacco dell'elettricità legato allo sciopero in corso in Francia alla Edf. Lo precisa il gestore Grtn precisando che «al momento non è arrivata nessuna comunicazione di possibili interruzioni o riduzioni» dell'import dalla Francia. Anche se questo succedesse «basterebbe che la comunicazione arrivasse con 15 minuti di anticipo e l'Italia non avrebbe problemi: oggi siamo in grado di coprire l'eventuale taglio di import», precisano fonti del gestore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400