Cerca

tam tam su internet

Prete lucano pro «family day»
fotografato a una festa gay

Un sacerdote dell’area sud sarebbe stato “pizzicato” senza abito talare, in maglietta attillata, in un locale di Napoli ad un festino gay friendly svoltosi prima di Natale

Prete lucano pro «family day»  fotografato a una festa gay

di Pino Perciante

Un prete lucano finisce nella bufera. Il tam tam su internet rilancia la vicenda di un sacerdote dell’area sud che sarebbe stato “pizzicato” senza abito talare, in maglietta attillata, in un locale di Napoli ad un festino gay friendly svoltosi prima di Natale. "Non importa chi sei o cosa indossi, non importa chi ami o da dove vieni, l'unica cosa importante è quanto ami la musica", era il motto della serata.

Il caso è stato lanciato ieri sul web e su alcuni quotidiani on line che hanno riportato alcune fotografie nelle quali si riconoscerebbe il sacerdote in questione. L’ennesimo caso di prete omossessuale che rischia di imbarazzare il Vaticano soprattutto dopo la decisa presa di posizione del cardinale Angelo Bagnasco sul disegno di legge della senatrice Pd Monica Cirinnà relativo alle unioni civili. Il sacerdote lucano presta la sua opera nella città di Salerno. Di giorno, quindi, fa il prete che giudica ed è impegnato nella buona riuscita del family day. Poi di sera, però, se ne perdono le tracce. Si ritira in preghiera? Chi può dirlo. Di certo andrà in palestra a curare il fisico, perché è giovane e per strada si fa riconoscere anche per i suoi muscoli e la sua avvenenza fisica.

Prima di Natale, però, si sarebbe tolto la tonaca e sarebbe andato a Napoli per partecipare ad un gay party. Un festino organizzato da “Same the party”. La comunità che, come si diceva, si riconosce nell’amore sperticato per la musica. Una musica rigorosamente elettronica come “same the party” comanda.

In pista, tra la folla, come emergerebbe dalla fotografia-galeotta, ci sarebbe anche il sacerdote lucano. A torso nudo balla fino a notte fonda pronto a rivestire i panni di prete - giudice la mattina successiva, negli uffici in cui lavora. Dove ovviamente nessuno sospetta della sua doppia vita. E intanto la sua immagine ballerina, a torso nudo, impazza su internet.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicolamoro

    02 Febbraio 2016 - 15:03

    Ma le perversioni sono altre, a quando un family day contro i preti pedofili e chi li copre? Era lucano anche l'ex vescovo di Brindisi, Rocco Talucci, che non aveva voluto credere ai genitori dei ragazzi abusati da un suo parroco, poi filmato dalle Iene in flagranza di reato, finalmente ora condannato e allontanato (ma per quanto?) dalle attività di oratorio a contatto con i ragazzi

    Rispondi

  • Angela

    31 Gennaio 2016 - 09:09

    Caspita...allora il milione di persone del family day sono tutte pervertite. Che bell'articolo...fatto solo per screditare le migliaglie di famiglie che sono andate per testimoniare la bellezza della famiglia e il diritto dei bambini ad avere una madre ed un padre, ed a non essere un oggetto di compravendita per coppie omosessuali con il desiderio di avere bambini.

    Rispondi