Mercoledì 15 Agosto 2018 | 03:04

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

il rinvio a settembre

Puglia, i gialloverdi si dividono sul ddl anti-omofobia

Per i Cinque Stelle, si tratta di un atto di civiltà, mentre la Lega tuona: «Provvedimento folle»

I giallo-verdi in Puglia

Caroppo (Lega) e Barone (M5s)

BARI - Uniti a Roma e divisi in Puglia. Lega e Movimento 5 Stelle, «legati» dal contratto di governo su temi nazionali, si dividono a livello locale. Ed è soprattutto l’etica a spaccare il fronte «gialloverde». Prova ne sia, la travagliata vicenda del ddl regionale contro l’omotransfobia, reduce da un doppio passaggio in Commissione Sanità e da un rinvio al 6 settembre, termine ultimo di presentazione degli emendamenti.

Il provvedimento, uno di quelli da «dentro o fuori», ha spinto le forze in campo ad uscire allo scoperto. Da un lato, il centrodestra s’è scoperto compatto nella condanna di un disegno che il coordinatore regionale della Lega, Andrea Caroppo, ha definito senza mezzi termini «folle, ideologico e liberticida». Da Forza Italia ai centristi, passando proprio per il Carroccio, l’opposizione è netta. Dall’altra parte, a sostegno del ddl, il governatore Michele Emiliano, il consigliere regionale di Sinistra italiana/Leu, Cosimo Borraccino, e il Movimento 5 Stelle che ha scelto di appoggiarlo. Nel mezzo, le civiche vicine al governatore e il Pd, accusati da Borraccino di latitare sul tema. Ciò che però appare più evidente è la contrapposizione tra leghisti e grillini, posizionati sui lati opposti della barricata. A rivendicare, con convinzione, la posizione pentastellata è la consigliera Rosa Barone: «Le audizioni sono state toccanti - spiega -. Abbiamo ascoltato le testimonianze di genitori i cui figli avevano subito discriminazioni, piccoli e grandi. È un provvedimento moderno di civiltà. Senza eccedere negli ideologismi, credo che sostenerlo sia stato importante». La Barone, cattolica praticante, rivendica la propria sensibilità in tema di battaglie di genere: «Ricordo quanto stanno facendo i nostri sindaci, dalla Raggi alla Appendino. I matrimoni gay? Sì, sono favorevole. Magari non alle adozioni, ma questi sono temi fortemente influenzati da convinzioni personali. Anche nel nostro gruppo consiliare ci sono dei distinguo». Il rifermento è al consigliere Mario Conca, il meno «entusiasta» (eufemismo) tra i pentastellati nella battaglia pro-ddl. Un nodo, quest’ultimo, che evidenzia un aspetto ulteriore. Se è vero che gli alleati romani mostrano a livello locale segni rilevanti di diversità è altrettanto evidente come, all’interno dello stesso «corpaccione» grillino, convivano anime differenti, spesso lontane fra loro eppure disposte a convivere.

E, tuttavia, il tema principale rimane sempre il medesimo e interroga proprio i rapporti Lega-M5S: uniti a Roma e «nemici» in periferia? «Sì, capisco bene cosa intende - riflette la Barone -. A livello nazionale abbiamo fatto accordi di massima. Se entrassimo troppo nello specifico, soprattutto in una sfera delicata come quella etica, forse non ci troveremmo per niente. Lega e M5S non sono sovrapponibili e, a livello locale, spesso le differenze emergono». Impossibile, a questo punto, non riferirsi alle frasi del ministro Lorenzo Fontana sulle famiglie arcobaleno («non esistono»). «In quel caso - riprende - è intervenuto anche Salvini per rettificare. Quelle uscite del ministro, che non condivido, sono state fatte a titolo personale. Può succedere, nella spartizione quel dicastero è...toccato a loro. Comunque, nulla del genere è previsto nel contratto».
E proprio l’accordo «gialloverde» è il nodo su cui insistono entrambe le parti. È Caroppo a richiamarlo fin da subito: «Non entro nel merito delle scelte di altri partiti - spiega - Tra noi e i grillini esiste, a livello nazionale, un accordo nero su bianco nel quale non si fa riferimento a nulla di simile al ddl omofobia che stiamo discutendo qui sulla base di una emergenza inesistente. Ecco questo è il punto: se in Puglia qualcuno non avesse evidenziato un problema che non c’è - conclude - non staremmo qui a discutere né a parlare di contrapposizioni. La nostra posizione comunque è chiara e la porteremo avanti con convinzione »

Bari BA, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

ponte crollato genova

«Ero a 100 metri dal ponte che si sbriciolava, io sono un miracolato»

 
ponte Morandi

Il ponte prima e dopo il crollo
Reazioni e cordoglio sui social

 
Bar, allarme alga tossica: Ferragosto da bollino rosso da Santo Spirito a San Giorgio

Bari, allarme alga tossica: Ferragosto da bollino rosso da Santo Spirito a San Giorgio

 
Palagiustizia di Bari: Bonafede revoca l'ok alla sede di Via Oberdan

Palagiustizia Bari: Bonafede revoca sede di Via Oberdan. I penalisti: meglio tardi che mai

 
Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Il Sud e il futuro del centrodestra:i temi roventi di Everest 2018

Il Sud e il futuro del centrodestra: i temi roventi di Everest 2018

 
Romano: «Gruppo Leu in Regione?Per ora è un'ipotesi letteraria»

Romano: «Gruppo Leu in Regione? Per ora è un'ipotesi letteraria»

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 16 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS