Mercoledì 15 Agosto 2018 | 12:38

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Fruit Logistica

Apeo, l'ortofrutta fa squadra e vince sui mercati

PUGLIA - Ortaggi, cavoli e peperoni

PUGLIA - Ortaggi, cavoli e peperoni

di Antonella Millarte

FRUIT LOGISTICA - Ortofrutta, cresce la commercializzazione, stenta a decollare la moderna logistica. La vocazione all’export della Puglia, che ha la maggiore Superficie Agricola Utilizzabile (SAU) d’Italia riesce a rispondere alle richieste del mercato italiano e internazionale, ed a fronteggiare la globalizzazione, grazie all’associazionismo.

Nel Mezzogiorno dei cosiddetti campanili, spesso ostacolo allo sviluppo, spicca l’esperienza dell’APEO (Associazione Produttori Esportatori Ortofrutticoli) con sede a Bari che dal 1980 opera nel settore. «La nostra associazione, in 37 anni, ha messo insieme circa il 70% dell’ortofrutta pugliese. Sono le maggiori aziende ortofrutticole di produzione e di commercializzazione, agricole e collegate a cui passiamo i disciplinari delle varie catene estere, che sono più restrittivi a vantaggio del consumatore – dice Giacomo Suglia, presidente di APEO - . Malgrado ciò, si riesce sempre a trovare la possibilità di lavorare, nel rispetto dei consumatori dei lavoratori e dell’ambiente».

E’ una agricoltura da record, che vede localizzate in Puglia le aziende che – per esempio – forniscono colossi come la Coop Italia. Il paniere di bontà è fatto dalla patata di Polignano, dall’uva da tavola del sud est barese e del tarantino sia sotto tunnel che senza tunnel. Restano insuperabili le ciliegie Ferrovia di Turi.

«Le problematiche sul fronte internazionale, prosegue Suglia, provengono dalla riduzione del mercato a causa dell’embargo russo, della brexit e della svalutazione della sterlina, della mancata apertura dei paesi asiatici in cui direttamente per ora non vendiamo niente».

A livello nazionale, invece, spicca l’assenza in Puglia di strutture portuali dedicate all’ortofrutta che – fa notare Suglia – sono a Gioia Tauro, Salerno e Genova mentre a livello internazionale gli hub sono in Olanda e a Dubai.

La Puglia avrebbe tutte le carte in regola per essere piattaforma logistica per i Paesi africani e, di fatto, nel barese lo è già ad esempio per l’uva da tavola.

«Siamo un hub di fatto dove ogni azienda cerca di dare servizi al meglio, lo stesso ci sforziamo di fare noi come APEO», aggiunge il presidente Suglia evidenziando il forte impegno su due fronti: con le aziende e con le istituzioni che in autunno ha portato alla riapertura del mercato canadese per i prodotti pugliesi.

Su questa industria a cielo aperto, che traina la nostra economia, gravano però molta burocrazia e l’assenza di un Distretto ortofrutticolo pugliese.

Per info www.apeo.it

millarte@gazzettamezzogiorno.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS