Cerca

Giovedì 18 Gennaio 2018 | 22:59

cerignola

Nel garage le auto rubate
a luglio alla «Fca» di Melfi

Fermato il proprietario

Nel garage le auto rubate a luglio alla «Fca» di Melfi

CERIGNOLA - Erano parcheggiate nel garage di un sessantenne cerignolano, Pietro Gallo, tre auto rubate nello stabilimento «San Nicola» di Melfi e che facevano parte di uno stock di ben 14 mezzi sottratti lo scorso luglio, di cui 6 già recuperati poche ore dopo il furto. La perquisizione dei carabinieri si è conclusa col fermo per ricettazione di Gallo posto ai domiciliari, e il sequestro di una «Jeep Renegade», due «Fiat 500» rubate in Basilicata e di uno scooter «Piaggio Beverly» rubato due anni fa a Margherita di Savoia. «La particolarità di questa indagine» commentano gli investigatori «sta nel fatto che le 3 auto non sono state rubate in strada o in un box, ma direttamente nello stabilimento di San Nicola di Melfi, all’interno del quale si producono anche “Jeep Renegade” e “Fiat 500”».

Già lo scorso luglio una pattuglia «si vide tagliare di notte la strada da una colonna formata da sei “Jeep Renegade” senza targa, che procedevano a forte velocità: ne scaturì un inseguimento, al termine del quale i ladri ormai imboccarono un tratturo, abbandonarono le Jepp e scapparono a piedi per i campi. Le 6 auto recuperate quella notte» ricordano gli investigatori «erano state rubate poco prima proprio dallo stabilimento “Fca” di San Nicola di Melfi quando i ladri rubarono ulteriori 8 macchine, tra “Jeep Renegade” e “Fiat 500”». Lunedì sera i carabinieri hanno rinvenuto «nel corso di un servizio finalizzato alla ricerca di refurtiva, tre di quelle 8 auto rubate rimaste ancora in circolazione: erano in un garage nei pressi del cimitero, ed il proprietario dell’immobile Pietro Gallo è stato sottoposto a fermo per ricettazione e su disposizione del pm posto ai domiciliari. Oltre alle tre auto» prosegue la nota stampa « i militari hanno ritrovato anche uno scooter pure provento di un furto avvenuto nel novembre del 2016 quando, a Margherita di Savoia, il proprietario fu derubato del ciclomotore parcheggiato in paese».

Le indagini proseguono «visto che Gallo non ha certo potuto agire da solo: l’obiettivo» concludono gli investigatori «è quello di fare ora luce anche sulla responsabilità di altre persone nel furto: se le auto non fossero state recuperate, il colpo avrebbe fruttato ai ladri svariate centinaia di migliaia di euro. Il ritrovamento e recupero dei tre mezzi non fa che confermare ancor una volta il primato di Cerignola per ciò che concerne la ricettazione ed il riciclaggio di veicoli rubati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione