Lunedì 23 Luglio 2018 | 00:35

IL fatto nel 2012

Foggia, per il colpo al caveau
il processo riparte da zero

Cambia il presidente della Corte, in fumo 25 udienze e 40 testimonianze. Il furto fruttò 15 milioni di euro. Venti gli imputati

Foggia, per il colpo al caveauil processo riparte da zero

FOGGIA - Riparte da zero dopo 25 mesi di udienze e l’interrogatorio di una quarantina di testimoni d’accusa il processo «Goldfinger» a 20 imputati, 7 dei quali accusati del furto da 15 milioni di euro nel caveau delle cassette di sicurezza del Banco di Napoli di piazza Puglia a Foggia compiuto nel week-end tra il 9 e 11 marzo del 2012. Il collegio difensivo non ha infatti prestato il consenso al recupero degli atti processuali svolti negli ultimi 25 mesi, dopo il cambio del presidente del collegio giudicante, ragion per cui si dovrà ricominciare d’accapo: soltanto nei processi per mafia il recupero degli atti è automatico quando cambiano i giudici.

In attesa di giudizio ci sono 20 foggiani, romani, marchigiani e torinesi accusati a vario titolo di associazione per delinquere; furto e tentato furto nel caveau della banca; un progetto di furto nel caveau delle gioiellerie «Sarni» nel centro commerciale di viale degli Aviatori sventato dalla polizia nell’agosto 2012; riciclaggio di parte del provento del furto milionario; interruzione di comunicazioni tra sistemi telematici per i sistemi d’allarme elusi in occasione del furto in banca; ricettazione; favoreggiamento; calunnia e violazione della privacy. I 13 imputati arrestati nel blitz «Goldfinger» del 10 marzo 2015 sono da tempo tutti liberi: i 20 accusati si dicono innocenti.

Si tornerà nell’aula della seconda sezione penale del Tribunale di Foggia il prossimo 22 gennaio per ricominciare dal primo testimone d’accusa, un poliziotto della sezione antirapina della squadra mobile che condusse le indagini sfociate nel blitz del 10 marzo 2015 con 13 arresti. In occasione della prima tranche del processo ora «annullata», il poliziotto fu sentito per ben 7 ore complessive da accusa e difesa, e ci vollero 3 udienze per completare interrogatorio e controinterrogatorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Foggia, a fuoco discarica sequestrataIl sindaco: tenere le finestre chiuse

Foggia, a fuoco discarica sequestrata. Il sindaco: tenete le finestre chiuse

 
Estate in Puglia: in 600 salpano per le Isole Tremiti

Estate in Puglia: in 600 salpano per le Isole Tremiti

 
Omicidio De Rocco a Foggiaresta in cella 38enne di Casarano

Omicidio De Rocco a Foggia
resta in cella 38enne di Casarano

 
San Ferdinando, esecuzione in strada: commando fredda un pregiudicato

San Ferdinando, pregiudicato freddato nell'auto in centro Foto

 
Espiantati gli organi del 47enne molisano, prof. Milano: «Usata tecnica innovativa»

Espiantati gli organi del 47enne molisano, prof. Milano: «Usata tecnica innovativa»

 
Assaggiatore di pizza? Un corso post-laurea

Assaggiatore di pizza?
A Foggia un corso post-laurea

 
Termoli, ambulanza impegnata e tac in manutenzione: famiglia dona gli organi del congiunto

Termoli, ambulanza impegnata
e tac in manutenzione: famiglia
dona gli organi del congiunto

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS