Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 09:35

quadro preoccupante

Csm: l'80% degli omicidi
di mafia nel Foggiano
sono senza un colpevole

Csm: l'80% degli omicidi di mafia foggiani  sono senza un colpevole

ROMA - L’80 per cento dei 300 delitti di sangue che dagli anni Ottanta ad oggi sono ascrivibili alla mafia del foggiano «sono ancora irrisolti» cioè senza un colpevole. Il dato allarmante è nella risoluzione della Sesta Commissione del Csm, oggi all’esame del plenum che l’ha approvata all’unanimità, che tira le somme di un giro di audizioni di vertici degli uffici giudiziari, delle forze di polizia e dell’avvocatura, fatte in Puglia all’indomani dell’ultimo sanguinoso agguato nel Gargano costato la vita anche a due testimoni.

Il quadro che emerge è preoccupante: si tratta di una mafia "feroce e profondamente radicata sul territorio, su cui esercita un vero e proprio controllo militare». Un radicamento che in alcuni contesti «è così forte, da produrre una generalizzata omertà», che in alcuni casi diventa «connivenza» se non addirittura «consenso». Non è un caso che dal 2007 non ci sono più pentiti e che le denunce sono «pressochè inesistenti"; peraltro «i pochi cittadini che le presentano quasi sempre in sede processuale ritrattano». Gli imprenditori vittime di estorsioni negli ultimi anni sono passati addirittura a «un atteggiamento di volontaria sottomissione al fenomeno mafioso": spesso sono loro stessi a recarsi autonomamente dal mafioso per pagare il pizzo, «anticipandone in tal modo la richiesta». E lo fanno «non per lucrare vantaggi», ma nella consapevolezza che la loro attività e la loro stessa vita «non possono affrancarsi dalla protezione mafiosa».

La mafia foggiana, quella garganica e quella di Cerignola hanno in comune la capacità di coniugare tradizione e modernità: "la tradizione - spiega il documento, che ha come relatori i consiglieri Ercole Aprile, Antonello Ardituro e Paola Balducci - è quella del 'familismo mafiosò tipico della 'ndrangheta e della ferocia spietata della camorra cutoliana; la modernità, invece, è la vocazione agli affari, la capacità di infiltrazione nel tessuto economico-sociale, la scelta strategica di colpire i centri nevralgici del sistema economico della provincia, e cioè l'agricoltura, l’edilizia e il turismo». La riprova sono recenti inchieste che «hanno dato conto della capacità della mafia foggiana di infiltrarsi nella pubblica amministrazione».

Magistratura (che pure deve fare i conti con una «forte percentuale di posti scoperti», fenomeno «da affrontare al più presto") e polizia «sono impegnate in una continua opera di prevenzione e contrasto delle attività criminose, che già portato all’accertamento delle responsabilità penali di numerosi esponenti dei clan». Ma prima di tutto, avvertono i consiglieri del Csm, bisogna «rompere l’omertà», con l’azione sinergica di tutte le istituzioni. Serve «l'impegno di quanti ricoprono incarichi pubblici», che devono essere innanzitutto capaci di "espungere chi al loro interno si è dimostrato permeabile ad influenze criminali».

Nel documento si chiede di «assumere tutte le più utili ed urgenti iniziative volte ad assicurare agli uffici giudiziari di Bari e di Foggia Palazzi di Giustizia adeguati alle esigenze di buon funzionamento del servizio, in condizioni di sicurezza e di logistica sufficienti a garantire l’efficienza ed il decoro delle funzioni giudiziarie». In serata il ministero della Giustizia ha reso noto che finanzierà l’avvio della progettazione del Polo Giudiziario di Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione