Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 02:37

Debite Ase spa

Manfredonia, Corte dei Conti
chiede risarcimento di 4,3 mln

Manfredonia, Corte dei Contichiede risarcimento di 4,3 mln

MANFREDONIA - 4.304.319,97 euro: è la somma che la Corte dei conti, Sezione regionale di controllo di Puglia, chiede la restituzione ai sensi di legge al sindaco Angelo Riccardi e a una trentina tra assessori, consiglieri comunali, dirigenti e funzionari del Comune di Manfredonia della precedente amministrazione Riccardi. L’importo di cui innanzi, corrisponde alle «somme riconosciute e pagate all’Ase SpA quali corrispettivi a saldo per le annualità 2003/2010».

La Corte dei conti di Bari ha pertanto provveduto a costituire in mora i “presunti responsabili” attraverso, come da prassi, il segretario generale del Comune di Manfredonia, Michele Smargiassi, «destinatario di un decreto a firma del vice procuratore generale della sezione giurisdizionale regionale Puglia della Corte dei conti, Pierpaolo Grasso» nel quale la magistratura contabile, fatto riferimento alla deliberazione del Consiglio comunale n. 63 del 29 novembre 2011 e «considerato che a seguito degli accertamenti istruttori e nelle more di ulteriori accertamenti è opportuno procedere a costituire in mora dei presunti responsabili», ha fatto espressa richiesta di procedere alla formale messa in mora di coloro i quali hanno proceduto a votare favorevolmente alla delibera della giunta comunale n. 342 del 23 novembre 2011 ad oggetto “Determinazione debiti fuori bilancio a favore dell’ASE, annualità dal 1991 al 2010” nonché di coloro “che hanno espresso parere di regolarità tecnica e contabile e del segretario generale presente alla deliberazione”. Stessa procedura per la deliberazione del consiglio comunale n. 63 del 29 novembre 2011 avente il medesimo oggetto di quella precedente.

Costituzione in mora anche nei confronti «dei componenti del Collegio dei revisori che hanno espresso parere favorevole alla deliberazione, composto da Raffaele Ognissanti, presidente, Giovanni Pio Gelsomino e Francesco Mele, componenti»; di Michelangelo Nigro, dirigente del settore bilancio; del dirigente Matteo Ognissanti per aver svolto le funzioni di vice segretario generale verbalizzante; il segretario generale Federico Giovanni Fiorentino per aver svolto le funzioni di segretario verbalizzante. A dare notizia del provvedimento della Corte dei conti un comunicato del Comune di Manfredonia.
Michele Apollonio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione