Cerca

Giovedì 17 Agosto 2017 | 09:41

In corso Roma, a Foggia

Gioiellerie reagisce a rapina
salva i gioielli, in fuga i banditi

Gioiellerie reagisce a rapinasalva i gioielli, in fuga i banditi

Per i due banditi con caschi integrali sul volto ed armati di mazzuola l’...uovo di Pasqua da rompere era la vetrina dell’accorsata gioielleria di corso Roma per rubare in pochi secondi tutti i monili in esposizione. Un piano che si è infranto - è proprio il caso di dire - davanti alla prontezza di riflessi della vittima designata che ha afferrato per un capo il martello e impedito al malavitoso di rapinare i gioielli esposti, costringendolo ad una immediata fuga sullo scooter condotto dal complice. È successo alle 20.20 di venerdì in corso Roma all’altezza dei civici 37/39 dove si trova la gioielleria «La Daga-Camerino» gestita da una coppia di orefici.

Salvato il bottino che sarebbe ammontato a svariate migliaia di euro, restano ora da identificare e arrestare i due malavitosi: l’ipotesi di reato per cui si procedere è quella di concorso in rapina, al momento a carico di ignoti, visto che il gioielliere è rimasto leggermene ferito alle mani. Le indagini - il primo intervento è stato eseguito dalla «volante», se ne occuperanno adesso i colleghi della squadra mobile - puntano essenzialmente sulla visione dei filmati registrati dai sistemi di videosorveglianza e telecamere che sono numerosi in corso Roma: gli investigatori sperano che emerga qualche elemento utile, sui banditi e/o sullo scooter usato, per dare una svolta all’inchiesta. Sequestrata anche la mazzuola usata per infrangere la vetrata e abbandonata sul posto: la scientifica vi cercherà eventuali impronte digitali.

I rapinatori avevano tute azzurre da lavoro e calzavano caschi integrali per non farsi vedere in faccia. Alle 20.20 dell’altra sera sono arrivati davanti alla gioielleria: quello seduto dietro ed armato di mazzuola ha sferrato più colpi alla vetrina sino a infrangerla. L’obiettivo era impossessarsi di bracciali, collane, anelli con diamanti in esposizione: il titolare della gioielleria dall’interno ha reagito prontamente ed afferrato all’altro capo la mazzuola (nel farlo si è ferito leggermente alle mani), costringendo quindi il rapinatore ad abbandonare l’arma, quindi a rinunciare al bottino per risalire sullo scooter e dileguarsi con il complice in tutta fretta prima dell’arrivo delle forze dell’ordine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione