Cerca

Mercoledì 16 Agosto 2017 | 17:00

a foggia

Un presepe di pasta
per far nascere Gesù

presepe di Pasta

foto Maizzi

FOGGIA - Ci sono voluti 90 pacchi, circa 45 chili, di pasta di tutti i formati, per realizzare il presepe esposto da due giorni nel punto vendita di via Zara dei supermercati La Prima.
Un grande presepe (allestito su un quadrato di circa un metro e mezzo per lato) dove tutto, davvero tutto è di pasta: dalle abitazioni ai personaggi agli animali da cortile alla chiesa che domina tutto il paesaggio: un lavoro più che certosino portato avanti dalla presepista Maria Assunta Palumbo, dell’associazione culturale «Fantasia e colore», coadiuvata da Dina Tanzi. Un lavoro certosino, dicevamo, iniziato lo scorso aprile «ma negli ultimi due mesi abbiamo lavoro a tambur battente», spiega la Palumbo. «90 pacchi di pasta con molti scarti - precisa la presepista - nel nome della precisione delle realizzazioni. Abbiamo usato, oltre alla pasta, solo colla. Il formato che mi ha dato più soddisfazione? La “gramigna”, l’ho messa dappertutto, dai tetti ai prati... il più difficile? Le orecchiette e i lumaconi. È stato piuttosto complicato incollarli sui supporti poiché tendevano a scivolare».

I risultati sono a dir poco spettacolari: stupisce, soprattutto i non addetti ai lavori, l’accuratezza dei particolari e la fantasia che hanno i presepisti nel cogliere i particolari della realtà urbana e riprodurli in scala nella loro creazioni con i più diversi materiali. Chi potrebbe mai pensare alle grate di protezione delle finestre in un presepe? O a quelle tapparelle che si spingevano in avanti per fare ombra e che non si usano più? «Sono quelle che ancora si trovano nei centri storici - spiega la Palumbo - e che per questo riproduciamo nelle nostre opere. Questo presepe non pensa al centro storico di una particolare città, ma riproduce le caratteristiche di un centro storico della memoria...». Il presepe è articolato in due livelli di riferimento: il primo riproduce la zona fattoria con le botteghe degli artigiani di una volta, nel secondo c’è l’area del mercato, con alle spalle la chiesa e al centro la natività. I cui protagonisti, diversamente dal resto dei personaggi che abitano il presepe, sono le classiche statuine colorate, che possono emergere in un presepe monocolore.

L’inaugurazione del presepe, tutto realizzato con pasta Tamma, è stato uno degli eventi del calendario di Natale allestito dai supermercati La Prima e che ha preso il via, come vuole tradizione, l’8 dicembre. Tra gli eventi in programma nei prossimi giorni la preparazione dei dolci natalizi con le fidate nonnine nei punti vendita di via Zara e via Nardella sia domenica 18 che giovedì 22 dicembre (intorno alle 10), mentr eil 21 e 22 dicmbre da via Zara partirà un Babbo Natale in carrozza che arriverà in via Nardella, mentre in via Zara dal 22 al 24 dicembre ci saranno Babbo e Mamma Natale che regaleranno palloncini e dolciumi a tutti i bambini. [sl]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione