Giovedì 16 Agosto 2018 | 00:34

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

palazzo dogana

Pressing su Miglio
FI vuole le dimissioni

Mentre la maggioranza sceglie la strada del silenzio

Pressing su Miglio  FI vuole le dimissioni

Diventa sempre più forte il pressing sul presidente della Provincia di Foggia, Francesco Miglio, affinché passi la mano rassegnando le dimissioni in noccasione del rinnovo del Consiglio provinciale. Dopo l’affondo dell’on. Angelo Cera e del capogruppo dei Conservatori e riformisti, Marco Camporeale, tocca al capogruppo di Forza Italia a Palazzo Dogana aggiungere benzina sul fuoco.

«La maggioranza di centrosinistra alla guida della Provincia di Foggia è ormai completamente allo sbando. Politicamente e sul piano amministrativo. In entrambi gli ambiti la qualità dell’attività messa in campo appare di gran lunga al di sotto dei bisogni e delle necessità – urgenti – delle comunità della Capitanata», afferma Paolo La Torre che aggiunge: «Purtroppo i miei impegni istituzionali all’interno del Consiglio comunale di Foggia, dove sono stati approvati il Documento Strategico del Commercio ed il Documento Strategico del Commercio su Aree Pubbliche, non mi hanno permesso di essere presente a Palazzo Dogana. La riunione del Consiglio provinciale dello scorso 20 settembre, però, è stata la migliore rappresentazione di questo stato di evidente e cronica difficoltà: mancanza del numero legale, nonostante i consiglieri di maggioranza fossero presenti, e bocciatura sonora da parte dei Revisori dei Conti del bilancio di previsione 2016, i quali hanno messo nero su bianco come il documento contabile non rispetti il principio della veridicità e congruità della spesa, non preveda un accantonamento al fondo contenzioso sufficiente, e contenga una alterazione degli equilibri di parte corrente.»

Per il capogruppo dei forzisti alla Provincia «ce n’è quanto basta per certificare il fallimento della gestione del presidente Miglio e della maggioranza di centrosinistra che lo sostiene. Non assicurare il numero legale per la discussione di un atto importante come il Documento Unico di Programmazione è una gravissima forma di irresponsabilità politica ed è la conferma di tutte le difficoltà che affliggono ormai da tempo la maggioranza al governo dell’Amministrazione provinciale, sempre più incapace di assicurare stabilità e scelte di governo positive al nostro territorio».

«Sarebbe cosa buona e giusta se il presidente Miglio prendesse finalmente atto della completa assenza delle condizioni minime per poter governare la Provincia di Foggia: dall’inesistenza di una maggioranza politica organica, stabile e compatta fino alla definizione di un programma serio e non emergenziale, che consenta di assolvere ai pochi compiti ancora rimasti in capo all’Ente. Le sue dimissioni, dunque, sarebbero un atto opportuno ed urgente nell’interesse dei nostri cittadini», conclude il capogruppo di Forza Italia al Consiglio provinciale di Foggia.

Insomma, una situazione molto tesa aggravata dal fatto che Miglio - almeno contro Cera - si è difeso da solo, mentre i partiti della maggioranza di centrosinistra che governa l’Amministrazione provinciale di Foggia restano in silenzio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Scontro nel Foggiano, muoionodue giovani di Torremaggiore

Scontro nel Foggiano, muoiono due giovani di Torremaggiore Foto

 
San Marco in Lamis, trovatomorto accanto al trattore:incidente o omicidio?

San Marco in Lamis, trovato
morto accanto al trattore:
incidente o omicidio?

 
Scandalo Sanitarservice, Di Biasesi difende: compensi e spese regolari

Scandalo Sanitaservice, Di Biase si difende: compensi e spese regolari

 
Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

 
Trans sequestrato e pestato da cliente

Trans sequestrato e pestato da cliente

 
Tragedia sfiorata in autostrada: due anziani in viaggio contromano, salvati dalla stradale

Tragedia sfiorata in A14: due anziani in viaggio contromano, salvati dalla Polstrada

 
Sanitaservice Foggia, superstipendi e spese pazze per mezzo milione:sequestrati beni all'amministratore

Sanitaservice Foggia, superstipendi e sprechi: sequestro beni ex amministratore

 
Strage braccianti: al via le indagini per caporalato a Foggia e Larino

Strage braccianti nel Foggiano: indagati tre imprenditori agricoli

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS