Cerca

Vieste, Polizia arresta il figlio pusher e lui dice «Non avete altro da fare?»

Vieste, Polizia arresta il figlio pusher e lui dice «Non avete altro da fare?»
VIESTE - "Non avete altro da fare?", "siete troppo rigidi, neanche ne avesse avuto un chilo": così ai poliziotti il padre di un 19enne arrestato poco prima nel centro storico di Vieste perchè trovato in possesso di 50 grammi di cocaina. L’uomo ha anche minacciato di morte i poliziotti che lo avevano informato dell’arresto del figlio.
Il 19enne, Gianmarco Pecorelli, è stato arrestato nell’ambito di controlli compiuti da personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Manfredonia, coadiuvato da personale del Reparto Prevenzione Crimine di Bari. La cocaina era stata suddivisa in sei involucri pronta – secondo gli investigatori – per la successiva cessione ad ulteriori spacciatori, per giungere poi ai tossicodipendenti-consumatori finali. Alla vista dei poliziotti, Pecorelli ha tentato invano di disfarsi dell’involucro contenente la droga lanciandolo dal finestrino dell’auto a bordo della quale si trovava. Il padre dell’arrestato, che ha accusato i poliziotti di essere dei corrotti, minacciandoli di morte, è stato denunciato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400