Cerca

Furti d'auto in Puglia sgominata banda rinvendeva all'estero

Furti d'auto in Puglia sgominata banda rinvendeva all'estero
SAN SEVERO (FOGGIA) -  Rubavano automobili di grossa cilindrata per poi venderle all’estero dopo aver clonato numero di telaio e documenti di vetture identiche 'pulitè. A scoprire due organizzazioni che operavano con base a San Severo e a Pomezia, in provincia di Roma, sono stati gli agenti della Squadra mobile, della Polizia stradale di Foggia e del commissariato di San Severo, insieme a militari della Guardia di Finanza di Avellino, che hanno arrestato quattro persone accusate di furto, ricettazione e riciclaggio di automobili.

In carcere, su provvedimento della magistratura, sono finiti Enzo Di Felice, di Pescara, di 44 anni, Giovanni Guarnieri, di Roma, di 60 anni, Petre Vadar di 37 anni e Rackman Alin di 33 anni, entrambi romeni. Dodici le persone che, al momento, sono riuscite a sfuggire al blitz: tra questi anche coloro che gli inquirenti ritengono essere le menti delle organizzazioni, personaggi di San Severo.

Dalle indagini è emerso che i presunti esponenti delle due organizzazioni rubavano in diverse parti d’Italia automobili di grossa cilindrata. Successivamente individuavano all’estero una vettura dello stesso tipo, modello e colore e la clonavano con quella rubata modificando numero di telaio e documenti. In questo modo l’auto veniva rivenduta in altri Paesi, soprattutto in Spagna, Germania, Repubblica Ceca e Grecia. Una dozzina le automobili recuperate nel corso delle indagini: mezzi già saccheggiati e modificati. Le automobili che venivano rubate e poi clonate erano vendute ad un terzo del prezzo di mercato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400