Cerca

Foggia, lavori truffa al teatro Giordano cinque sotto accusa



 
Foggia, lavori truffa al teatro Giordano cinque sotto accusa
FOGGIA - La procura di Foggia ha chiuso le indagini sui lavori di ristrutturazionedel teatro Giordano. Cinque «avvisi» sono stati notificati a Giuseppe Casolaro, architetto e responsabile unico dl procedimento nonchè direttore dei lavori, Gaetano Centra, addetto al collaudo tecnico amministrativo, Francesco Paolo Lepore, addetto alla contabilizzazione dei lavori appaltati, Salvatore e Gianluigi Raspatelli, rispettivamente legale rappresentante  e amministratore unico della Ra.co. costruzioni, aggiudicatraria dell'appalto, tutti accusati, a vario titolo, di concorso in truffa aggravata e frode in pubbliche forniture.

L'inchiesta, coordinata dal pm Laronga sulla base delle indagini della Digos, avrebbe accertato che nel corso dei lavori di ristrutturazione, durati tra il 2008 e il 2012, l'impresa appaltatrice - aggiudicataria della commessa per un importo di 2milioni e 123mila euro - non solo avrebbe ottenuto l'intero pagamento per opere non compiute o addirittura svolte dopo il pagamento grazie ad attestazioni fasulle di tecnici compiacentu, ma avrebbe richiesto «al momento della chiusura della contabilità dei lavori appaltati il pagamento dell'ulteriore importo di 4milioni e 328mila euro a titolo di riserve».

Secondo il pm, che si è affidato a una consulenza tecnica che avrebbe smascherato l'operazioni truffaldina, il Comune di Foggia non avrebbe pagato quelle somme «se non fosse stato indotto in errore meduiante falsa contabilità dei lavori pubblici» e inoltre non sarebbe insorto l'ulteriore debito di oltre 4 milioni nonostante la mancata esecuzione dei lavori contrattualmente previsti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400