Cerca

Foggia, colpo milionario al caveau di Unicredit ripulite 300 cassette

FOGGIA -  Ignoti hanno ripulito le trecento cassette di sicurezza all’interno del caveau della banca nel centralissimo corso Vittorio Emanuele. A scoprire il fatto sono stati ieri mattina i dipendenti dell’istituto di credito. Sul posto gli uomini della squadra mobile e della polizia scientifica: non è stato trovato alcun segno di effrazione e questo elemento conferma l’idea che i ladri siano appunto rimasti da qualche parte prima della chiusura.. Non quantificato il bottino. Le cassette di sicurezza sono private e può esserci di tutto: dal diamante da oltre centomila euro all’oro; dal contante a qualche documento riservato
Foggia, colpo milionario al caveau di Unicredit ripulite 300 cassette
FOGGIA - Ad accorgersi che qualcuno aveva forzato il «caveau» sono stati gli impiegati della Unicredit (ex Credito italiano) di corso Garibaldi angolo corso Vittorio Emanuele, ieri mattina poco dopo l’orario di apertura.

Il bottino, in euro, pare non sia ingente. Qualche decina di migliaia di euro, pare, anche se non ci sono fonti dirette che lo confermano. E si capisce. I ladri erano interessati ad altro: alle cassette di sicurezza custodite nel «caveau». Ben trecento. Il doppio di quelle per intendersi ripulite tre anni fa alla filiale del Banco di Napoli. E si sa, nelle «cassette» di sicurezza può esserci di tutto: dal diamante da oltre centomila euro all’oro; dal contante a qualche documento riservato. La stessa banca ignora il contenuto delle cassette di sicurezza. Resta il mistero del furto che è avvenuto nell’indifferenza più assoluta, se è vero che probabilmente i ladri sono rimasti all’interno dell’istituto di credito probabilmente da venerdì, giorno di chiusura, per agire indisturbati nella notte tra venerdì e sabato senza tener conto anche della domenica.

La banca aveva chiuso gli sportelli venerdì pomeriggio ed il furto potrebbe essere avvenuto anche due giorni fa. Sul posto, per le indagini e i rilievi del caso, gli agenti della squadra mobile di Foggia, della sezione volanti e della scientifica che non avrebbero trovato alcun segno di effrazione e questo elemento conferma l’idea che i ladri siano appunto rimasti da qualche parte prima della chiusura. La polizia ha già esaminato i filmati delle videocamere di sicurezza. Ascoltati anche i dipendenti dell’istituto. «UniCredit è parte lesa nella vicenda e sta collaborando attivamente con le forze dell’ordine. La banca incontrerà uno per uno i clienti titolari delle cassette mancanti così da definire l'importo del rimborso spettante a ciascuno», si afferma in una nota di Unicredit

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400