Cerca

Novantenne prende sciroppo e viene multato per guida in stato di ubriachezza

FOGGIA - Astemio novantenne prende uno sciroppo per la tosse e viene multato per guida in stato di ubriachezza. Il curioso episodio - come si legge in una nota di Agitalia - è successo a Foggia il 3 gennaio ed ha visto protagonista un anziano, A.B. classe 1925, che da giorni cercava di curare il suo mal di gola con uno sciroppo per la tosse che si acquista liberamente in farmacia
Novantenne prende sciroppo e viene multato per guida in stato di ubriachezza
FOGGIA - Astemio novantenne prende uno sciroppo per la tosse e viene multato per guida in stato di ubriachezza. Il curioso episodio - come si legge in una nota di Agitalia - è successo a Foggia il 3 gennaio ed ha visto protagonista un anziano, A.B. classe 1925, che da giorni cercava di curare il suo mal di gola con uno sciroppo per la tosse che si acquista liberamente in farmacia.
Non rendendosi conto che il prodotto ha un'alta presenza di alcool, l'anziano si è messo alla guida e fermato da una pattuglia di carabinieri è risultato con valori superiori alla norma per rilevazioni alcometriche. A nulla sono valse le spiegazioni dell'anziano che è addirittura astemio per problemi di salute. La multa inflitta è piuttostio salata: il ritiro immediato della patente e 1.554 euro di sanzione.

L'uomo ha presentato ricorso al Giudice di Pace di Bari, assistito da Agitalia, chiedendo l’immediata restituzione della patente di guida forte del principio dell’”incolpevole e scusabile intossicazione alcolica da farmaco”. In più esiste un precedente: qualche mese fa, sulla scorta di una relazione medico legale del dott. Paolo Oliva di Roma che aveva dimostrato come l’assunzione continuativa di tale medicinale potesse rilevare su un soggetto sottoposto ad alcooltest, influenzando la rilevazione strumentale, la Prima Sezione del Tribunale di Roma aveva assolto un giovane 25enne dal reato di guida in stato di ebbrezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400