Cerca

Cuore, esami, visite e consulenze gratuite oggi agli Ospedali Riuniti

FOGGIA - Appuntamento oggi con la Giornata Mondiale del Cuore, indetta dalla Società Italiana di Cardiologia. Oggi dalle ore 9,30 alle 13 e dalle 15 alle 18, i medici e gli specializzandi del Reparto Universitario di Cardiologia, diretto da Matteo Di Biase, presidente della Società Italiana di Cardiologia, effettueranno visite di controllo gratuite
Cuore, esami, visite e consulenze gratuite oggi agli Ospedali Riuniti
FOGGIA - Appuntamento oggi con la Giornata Mondiale del Cuore, indetta dalla Società Italiana di Cardiologia. Oggi dalle ore 9,30 alle 13 e dalle 15 alle 18, i medici e gli specializzandi del Reparto Universitario di Cardiologia, diretto da Matteo Di Biase, presidente della Società Italiana di Cardiologia, effettueranno visite di controllo gratuite. Sarà possibile pertanto di usufruire di visite cardiologiche ed elettrocardiogrammi gratuiti e ricevere informazioni sul corretto stile di vita da adottare, presentandosi, senza nessuna prenotazione, presso il Reparto Universitario di Cardiologia degli “Ospedali Riuniti” (via Luigi Pinto - I piano, sul Pronto Soccorso). Le visite verranno effettuate rispettando l’ordine di arrivo.

La Giornata Mondiale del Cuore è organizzata dalla World Heart Federation: lo scopo è quello di aumentare la consapevolezza riguardo alla salute in ambito cardiologico e la prevenzione delle patologie cardiovascolari mediante l’individuazione dei fattori di rischio. «Le malattie cardiovascolari: l’ipertensione arteriosa, l’iperglice - mia, le coronaropatie, le vasculopatie, l’infarto, i disturbi cardiovascolari - dice il prof. Di Biase, ordinario di Malattie dell’apparato cardiovascolare e preside della facoltà di Medicina - sono patologie invalidanti che rappresentano oggi una delle principali cause di morte. Nel nostro Paese si stima che gli affetti da malattie cardiovascolari siano più di 12 milioni. Ne conseguono circa 195.000 episodi di disturbi cardiovascolari ogni anno (uno ogni 4 minuti e, in 12.000 casi, si tratta di persone con meno di 45 anni) e 140.000 infarti. Un’adeguata attività fisica, una corretta alimentazione, uno stile di vita sano e, soprattutto, la diagnosi precoce consentono di vivere meglio e più a lungo. Invitiamo, dunque, tutti i cittadini a partecipare a questa importante iniziativa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400