Cerca

Minaccia di morte nigeriana perché porta il crocifisso arrestato a San Severo

SAN SEVERO – Da quattro giorni un giovane, originario del Mali perseguitava una donna nigeriana, minacciandola di morte. L’uomo non sopportava che la donna, una 57enne, portasse al collo un crocifisso. Dopo le minacce Simon Couloubali, di 32 anni, secondo quanto accertato dai carabinieri l'avrebbe prima colpita con pugni e calci e dopo averle strappato la collana con il crocifisso, tentato anche di strangolarla
Minaccia di morte nigeriana perché porta il crocifisso arrestato a San Severo
SAN SEVERO (FOGGIA)– Da quattro giorni un giovane, originario del Mali perseguitava una donna nigeriana, minacciandola di morte. L’uomo non sopportava che la donna, una 57enne, portasse al collo un crocifisso. Dopo le minacce Simon Couloubali, di 32 anni, secondo quanto accertato dai carabinieri l'avrebbe prima colpita con pugni e calci e dopo averle strappato la collana con il crocifisso, tentato anche di strangolarla. È’ stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio, resistenza a pubblico ufficiale e porto d’armi atte a offendere. L’episodio si è verificato ieri all’interno del 'Ghetto di Rignanò, una baraccopoli a pochi chilometri da San Severo.

La nigeriana, che gestisce un piccolo punto di ristoro all’interno del Ghetto, è stata medicata agli Ospedali riuniti di Foggia per un trauma cranio-facciale, lesioni da taglio all’orecchio sinistro e contusioni al viso e al torace.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400