Cerca

Agguato a San Severo ucciso pregiudicato Arrestato reo confesso

SAN SEVERO (FOGGIA) - Un uomo di 52 anni, Giovanni D'Antuono, di San Severo, con precedenti penali, è stato ucciso stasera, con colpi di pistola mentre si trovava nei pressi della sua abitazione, nel quartiere periferico «Città Giardino». L'uomo è stato ucciso mentre era in compagnia della moglie. In mattinata è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile della questura di Foggia e del Commissariato di San Severo il presunto assassino, l'uomo che si è costituito, presentandosi nella sede del commissariato di polizia è Giovanni Spinazzola, di 55 anni (il corpo della vittima ancora sull'asfalto con la pistola vicina)
Agguato a San Severo ucciso pregiudicato Arrestato reo confesso
SAN SEVERO - Un uomo di 52 anni, Giovanni D'Antuono, di San Severo, con precedenti penali, è stato ucciso stasera, con colpi di pistola mentre si trovava nei pressi della sua abitazione, nel quartiere periferico «Città Giardino». L'uomo è stato ucciso mentre era in compagnia della moglie. A sparare sarebbe stato un uomo con il quale poco prima la vittima avrebbe avuto un litigio. La pistola con la quale è stato compiuto l'omicidio è stata trovata dagli investigatori poco distante dal luogo dell'agguato.

In mattinata è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile della questura di Foggia e del Commissariato di San Severo il presunto assassino di D’Antuono, l'uomo che si è costituito, presentandosi nella sede del commissariato di polizia è Giovanni Spinazzola, di 55 anni.

L'omicidio – secondo quanto accertato dagli investigatori – sarebbe scaturito da un litigio avvenuto tra una figlia della vittima e quella dell’assassino. Sabato sera le due ragazze avrebbero avuto una violenta discussione per vicende sentimentali: ieri sera Spinazzola si sarebbe presentato davanti all’abitazione di D’Antuono chiedendo chiarimenti all’uomo che in quel momento era in compagnia della moglie. Tra i due uomini sarebbe nato un litigio e tutti e due avrebbero sparato. Sul luogo dell’omicidio, infatti, la polizia ha trovato due pistole: una calibro 7.65 detenuta illegalmente dalla vittima e una calibro 9x17 di Spinazzola. D’Antuono è stato raggiunto da otto colpi di pistola in diverse parti del corpo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400