Cerca

Foggia, più presto a casa gli sfollati

FOGGIA – Potrebbero rientrare nelle loro abitazioni in tempi "verosimilmente brevi" le famiglie residenti nella palazzina in via De Amicis a Foggia dove la notte tra il 2 e il 3 giugno si verificò un’esplosione, probabilmente dovuta ad una fuga di gas, che provocò la morte di una coppia di coniugi e il ferimento di quattro persone, tra le quali il figlio della coppia, di soli tre anni. Lo riferisce in una nota il sindaco di Foggia
Foggia, più presto a casa gli sfollati
FOGGIA – Potrebbero rientrare nelle loro abitazioni in tempi "verosimilmente brevi" le famiglie residenti nella palazzina in via De Amicis a Foggia dove la notte tra il 2 e il 3 giugno si verificò un’esplosione, probabilmente dovuta ad una fuga di gas, che provocò la morte di una coppia di coniugi e il ferimento di quattro persone, tra le quali il figlio della coppia, di soli tre anni. Lo riferisce in una nota il sindaco di Foggia, Franco Landella.

Si sono conclusi infatti positivamente, fa sapere il sindaco, i test disposti dal Consulente tecnico d’ufficio (Ctu), Francesco Benedettini, incaricato dalla Procura della Repubblica di Foggia, il quale ha dato il 'nulla ostà per la messa in sicurezza dell’edificio.
"Da questo momento il settore Lavori Pubblici di Palazzo di città – dichiara nella stessa nota l'assessore comunale ai lavori pubblici, Francesco D’Emilio – ed il gruppo di lavoro del Genio civile disporranno ed opereranno gli interventi di messa in sicurezza e di ripristino definitivo delle parti dell’edificio danneggiate dal crollo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400