Venerdì 20 Luglio 2018 | 18:51

Paradosso al cimitero

Foggia, ricorsi e burocrazia
fermano cappella da 40 anni

La grottesca vicenda tra pagamenti e contenziosi al Tar

Foggia, ricorsi e burocraziafermano cappella da 40 anni

cimitero foggia

«Attendere oltre quarant'anni l'assegnazione una cappella gentilizia nel cimitero di Foggia. E' l'esperienza kafkiana che mi è capitata e che sento il dovere di rendere pubblica.» Lo afferma l’avvocato Teodomiro Centola, suo malgrado al centro di questa vicenda. «Pur avendo affrontato tutto l'iter burocratico previsto dalla legge e pur avendo pagato, ormai da anni, l'ingente somma di 30.697 euro richiesta dal Comune per la concessione, mai avvenuta, di un suolo cimiteriale, non ho ancora un posto dove poter riposare dopo una vita di lavoro», dice Centola che aggiunge: «Nel 1978 inoltrai al sindaco di Foggia la richiesta di concessione di 20 metri quadri di suolo cimiteriale per edificare una cappella gentilizia. Nonostante i solleciti, solo tra il 2007 e il 2008, a 30 anni di distanza dalla prima istanza, fui invitato a confermare, cosa già fatta precedentemente, la richiesta e successivamente informato di occupare la posizione n.81 della graduatoria definitiva e invitato a versare, a titolo di acconto, 15 mila euro, somma superiore ai 5 mila euro previsti da una delibera comunale del 2008, e che comunque provvedevo a pagare. Solo nel 2012 mi informarono del prezzo di assegnazione del suolo cimiteriale: 1.529 euro al mq, prezzo sei volte maggiore di quello praticato ad altri richiedenti e poi assegnatari di suoli cimiteriali che avevano fatto richiesta come me nel 1978. Neanche allora però riuscii a chiudere la pratica. Nel 2012, infatti, mi informarono verbalmente dell'ampliamento ed adeguamento del cimitero comunale e dell'impossibilità di ottenere l'assegnazione del suolo cimiteriale nella zona del cosiddetto "cimitero preesistente" nonostante la mia domanda risalisse all'anno 1978 e vi fosse, e continui ad esserci tutt'ora, l'effettiva disponibilità di lotti di terreno.»

«Il rappresentante della Concessionaria del Comune fu però irremovibile e mi indusse ad accettare e sottoscrivere un contratto preliminare di assegnazione di un lotto diverso da quello da me richiesto, le cui condizioni, unilateralmente predisposte, non potevano essere modificate nel modo più assoluto. Firmai solo di fronte al rischio di perdere l'assegnazione attesa da circa 40 anni. Per questo, prima che decorressero otto giorni dalla data dell'incontro, contestai l'arbitraria assegnazione. Nel 2015 mi spinsero a versare altri 15.697, portando il prezzo complessivo a 30.697, somma di gran lunga superiore agli 8 milioni di lire pagata da altri privati che hanno avuto la fortuna di aver avuto l'assegnazione», dice ancora Centola che aggiunge: «Nello stesso anno, dopo tutto questo calvario, il segretario comunale si rifiutò di inserire nel contratto definitivo di assegnazione la clausola di salvaguardia dei diritti maturati con riserva delle azioni proposte e proponende per l'assenza del legale rappresentante della concessionaria, impegnandosi a fissare un nuovo incontro per la stipula. Il mancato rispetto dell'impegno mi spinse a promuovere azioni giudiziarie in sede penale e civile con esiti purtroppo molto deludenti, perché il Tribunale di Foggia il mese scorso ha incredibilmente sostenuto l'esistenza della giurisdizione esclusiva del Tar. Dovrò purtroppo affrontare un altro lungo calvario per vedere tutelato un sacrosanto diritto e per vedermi riconosciuto un posto dove poter riposare in pace dopo una vita di lavoro e di impegni.»

«Mi auguro che la pubblicazione di questa mia vicenda possa aiutare anche tante altre persone che, trovandosi nella stessa condizione, hanno diritto non solo ad una risposta concreta ed immediata ma anche, e soprattutto, a non dover più tollerare i soprusi, i ritardi ed il malgoverno delle autorità competenti», conclude Centola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Assaggiatore di pizza? Un corso post-laurea

Assaggiatore di pizza?
A Foggia un corso post-laurea

 
Termoli, ambulanza impegnata e tac in manutenzione: famiglia dona gli organi del congiunto

Termoli, ambulanza impegnata
e tac in manutenzione: famiglia
dona gli organi del congiunto

 
Quei caduti in guerra tra i banchi di scuola

Quei caduti in guerra
tra i banchi di scuola

 
La Consulta boccia il ricorso sulle trivelle alle Tremiti 

La Consulta boccia il ricorso
sulle trivelle alle Tremiti 

 
 cani randagi

«I cittadini possono sfamare i randagi» Annullata ordinanza di un sindaco del Foggiano

 
Aeroporti, potenziamento FoggiaEmiliano: risultato importante

Aeroporti, potenziamento Foggia
Emiliano: risultato importante

 
Dagli scarti del caffè si otterranno funghi

Dagli scarti del caffè si otterranno funghi

 
Foggia, auto fuori strada, morti papà e figlia 4 anni, grave madre

Foggia, auto fuori strada: morti papà e figlia 4 anni. Grave madre Ft

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS