Venerdì 22 Giugno 2018 | 15:16

DurumDays 2018

Foggia, grano duro biologico è garanzia per i consumatori

Il mercato si sta differenziando perché sono i consumatori a chiedere prodotti alternativi come la pasta integrale, gluten free, di grano duro biologico e altro

Più della metà degli ettari coltivati in Capitanata è di grano duro biologico. Oltre la metà della produzione in provincia di Foggia è certificata e tracciata

Una fase dei «Durum days», l'appuntamento che ha radunato a Foggia operatori del settore cerealicolo

Una fase dei «Durum days», l'appuntamento che ha radunato a Foggia operatori del settore cerealicolo

FOGGIA - «Durum days» confermano la centralità della Capitanata quando si parla di grano duro biologico. La seconda edizione del forum internazionale ha evidenziato soprattutto la capacità degli operatori locali di fare massa critica e di poter incidere sulle dinamiche di mercato se solo riuscissero a parlare sempre con un’unica voce quando ci sono interessi collettivi in gioco. Dopo questa edizione, infatti, possiamo forse dire che la candidatura di Foggia a ospitare la Cun del grano duro si è rafforzata dopo il via libera di tutte le organizzazioni agricole avvenuto quasi in simultanea: la Coldiretti, pur non partecipando ai “Durum Days”, si era infatti pronunciata martedì scorso sull’argomento e il giorno successivo la posizione è stata ribadita da Confagricoltura, Cia, Copagri e Alleanza delle cooperative.

L’approfondimento tra produttori, analisti e ricercatori ha messo a nudo anche un sistema di certificazioni legato alla pasta che rischia di risultare inefficace se accompagnato dalla retorica allarmistica cavalcata da alcuni gruppi e associazioni negli ultimi due, tre anni. Ne ha parlato il presidente di Aidepi, Riccardo Felicetti, connotando così il calo dei consumi del 7% sul mercato nazionale. Timori confermati da Pasquale De Vita, primo ricercatore del Crea (il centro ricerche per l’agricoltura di Foggia), che abbiamo ascoltato ieri a margine della seconda giornata dei “Durum days”. «Non dovremmo mai dimenticare - dice De Vita rispondendo alle nostre domande - che la pasta si fa con la semola e con l’acqua qualunque sia la composizione del grano da cui proviene. Certo, il grano è importante e noi lavoriamo continuamente perchè la ricerca ne migliori la qualità. L’attacco sconsiderato al glutine in questi anni, le notizie allarmistiche sulla salubrità di quello che è il principale alimento della dieta mediterranea hanno certamente spaventato i consumatori».

Ma per riportare le lancette indietro bisognerebbe che cambiassero gli scenari. Il grano è una commodity, al centro di interessi globali.
«Il grano è soprattutto la passione quotidiana di tanti nostri contadini a coltivarlo sempre meglio. In provincia di Foggia questa passione si traduce da quasi un secolo in 230 mila ettari di superficie coltivata, rimasta immutabile a se stessa. Anche quest’anno che l’Istat segnala un calo delle superfici dell’1,8% su tutto il territorio nazionale, in provincia di Foggia non ci saranno oscillazioni di alcun tipo».

Il mercato però suggerisce agli agricoltori di cambiare sementi e produzione, quante volte abbiamo sentito l’industria lamentarsi?
«Non dobbiamo generalizzare, ormai più della metà degli ettari coltivati in Capitanata è di grano duro biologico. I contratti di coltivazione si estendono ormai su oltre 100mila ettari. Abbiamo oltre la metà della produzione granaria in provincia di Foggia certificata e tracciata. Questo vuol dire che il mercato qui da noi è diventato maturo e può competere con chiunque».

Come considera le parole di Felicetti: “per risollevarsi non basteranno le innovazioni di prodotto”?
«Il mercato si sta differenziando perché sono i consumatori a chiedere prodotti alternativi come la pasta integrale, gluten free e altro. Abbiamo nuove varietà, ma l’utilizzo di seme certificato diminuisce e questo può costituire un problema. Parliamo di 1,3 milioni ettari in Italia in queste condizioni. Il presidente di Aidepi non vuole che si criminalizzi la pasta e ne ha tutte le ragioni. Lo diciamo anche noi che siamo ricercatori, non ha alcun senso colpire il nostro prodotto di punta».

Questo dibattito sulla Cun come vede schierato il mondo della ricerca?
«Posso rispondere in base alla mia esperienza: questa è la provincia con la più avanzata tecnica colturale. Ci sono seri professionisti che lavorano per migliorare il prodotto, esiste una cultura del grano duro che si tramanda da generazioni. La scelta della sede della commissione unica sul prezzo risponderà anche ad altri requisiti, ma il Granaio d’Italia è questo da decenni e non credo che non se ne possa tenere conto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Mimmo Di Luzio

Scomparso a Foggia, preoccupati i familiari: «Mimmo, ci basta una sola telefonata»

 
Omicidio a Vieste, accertamenti su auto trovata bruciata

Omicidio a Vieste, accertamenti
su auto trovata bruciata

 
Clown dottori e bimbi in cella per la festa coi papà detenuti

Clown dottori e bimbi in cella
per la festa coi papà detenuti

 
Distrutta auto dirigente Comune a pochi metri dal municipio

Distrutta auto di dirigente del Comune di Monte Sant'Angelo

 
nidi per grillai alla Zecca di Foggia

Nidi per falchi grillai alla Zecca dello Stato a Foggia

 
Il Wwf: «Quei lavori vanno fermati»

Il Wwf: «Quei lavori
vanno fermati»

 
Vieste, uomo ucciso e un ferito a colpi di arma da fuoco

Uomo ucciso e un ferito a colpi di arma da fuoco a Vieste. Controlli stub

 
L’Ospedale cancella via Pinto Dattoli: «A luglio si comincia»

L’Ospedale cancella via Pinto
Dattoli: «A luglio si comincia»

 

MEDIAGALLERY

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Economia TV
Beauty: settore in crescita, fatturato per 11 mld euro

Beauty: settore in crescita, fatturato per 11 mld euro

 
Italia TV
"Mi sparavano e ridevano"

"Mi sparavano e ridevano"

 
Mondo TV
La premier neozelandese diventa mamma

La premier neozelandese diventa mamma

 
Meteo TV
Previsioni meteo per venerdi', 22 giugno 2018

Previsioni meteo per venerdi', 22 giugno 2018

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero

 
Spettacolo TV
Una vita spericolata, diventare criminali per caso

Una vita spericolata, diventare criminali per caso