Martedì 14 Agosto 2018 | 21:20

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Orta Nova

Trattativa tra pusher e cliente
«Il rischio mio lo vuoi mettere?»

L'intercettazione

Trattativa tra pusher e cliente«Il rischio mio lo vuoi mettere?»

ORTA NOVA - «E la nafta che ho speso? e il rischio lo vuoi mettere? Io non devo prendere niente? Così non mi conviene, se non devo prendere niente e ci devo rimettere il rischio, mi sto a casa». Così parlava Luigi Costantino, senza sapere d’essere intercettato dalla Guardia di Finanza, trattando con l’acquirente sui 10/20 euro in più o in meno per una consegna di una «panetta» di hashish. Si guarda infatti anche ai pochi spiccioli nel mondo dello spaccio, dove gli sconti sono una rarità e dove le trattative tra pusher e clienti, fornitori e acquirenti si «giocano» anche su pochi euro.

Come racconta una delle numerose intercettazioni - sia telefoniche sia ambientali - dell’indagine «Delirium», coordinata dalla Procura di Foggia, condotta dai finanzieri del nucleo di polizia economica-finanziaria di Foggia e sfociata nel blitz di venerdì scorso con l’arresto di 9 persone su ordinanze cautelari del gip (6 in carcere, 3 ai domiciliari) nei confronti di 5 ortesi, 3 cerignolani e 1 leccese. Tre dei 9 indagati sono accusati di un tentativo di furto-assalto ad un bancomat; ma soprattutto l’inchiesta riguarda il mondo dello spaccio con 7 giovani accusati di 12 episodi di detenzione ai fini di spaccio di droga nel carcere di Foggia, a Orta Nova e Cerignola.

Il principale indagato dell’operazione delle Fiamme è Luigi Costantino, 22 anni, di Cerignola, accusato di 12 dei 13 capi d’imputazione complessivamente contestati a vario titolo dal pm ai 9 indagati (risponde anche di concorso nel tentato furto), e ora rinchiuso nel carcere di Foggia.

Nel momento in cui i finanzieri scoprirono - stando chiaramente alla ricostruzione accusatoria, tutta da verificare - che sarebbe Costantino a servirsi nel settembre scorso di un poliziotto penitenziario per introdurre 500 grammi di droga nel carcere di Foggia destinati ad un detenuto per omicidio che voleva smerciarli nelle celle (progetto sventato), scattarono le intercettazioni telefoniche e ambientali che dimostrerebbero il coinvolgimento del giovane ortese in vari episodi di spaccio anche nelle due cittadine del basso Tavoliere.

Il pomeriggio del 2 novembre 2017 i finanzieri registrarono questa conversazione avvenuta a Cerignola in auto tra Costantino che doveva ritirare una «panetta» di hashish e un presunto acquirente.

Costantino: Adesso porto la panetta a questo, mi darà 250 euro. L’ho pagata 160.

Interlocutore: E quanto prendi?

Costantino : Ho preso 90 euro.

Poco dopo l’indagato e mostra qualcosa all’interlocutore.

Interlocutore: Che è questo?

Costantino: La panetta.

Interlocutore Quant’è?

Costantino: Oh, adesso la sono andata a prendere, 100 grammi fra’.

Interlocutore : Mi senti, io 150, voglio una panetta e mezza.

Costantino: E adesso ti porto un’altra metà.

Interlocutore: Me la porti? È buono?

Costantino: Buono, fammi andare a lavare e te la porto, dammi il tempo di lavarmi, un quarto d’ora veloce.

Interlocutore : Va bene (e comincia a contare i soldi sino ad arrivare a 180 euro, come annotano i finanzieri).

Costantino: Che sono?

Interlocutore: Sono 180.

Costantino: Mancano 20 euro.

Interlocutore: No, non mancano 20 euro.

Costantino: Mancano 20 euro a questa panetta.

Interlocutore: No, sono 180, adesso prendo una panetta e mezza.

Costantino: Ma che 180, e che ci devo rimettere la nafta. Non mi conviene fra’, io cento...

Interlocutore: Oh, sto prendendo una panetta e mezzo.

Costantino: Ti ho capito, ma tanto la pago io la nafta, io prendo solo i soldi che devo dare a quello, e la nafta la perdo. E che faccio il fesso... E il rischio?

Interlocutore: Ma mica la nafta vale per ogni mezza panetta?

Costantino : Ti ho capito, ma io adesso per questa panetta devo prendere quanto l’ho pagata? E il rischio? E che faccio il fesso, vale la pena adesso? Io ho perso una mezz’ora, potevo farmi i c... miei e non devo prendere una lira, non mi conviene. Non è che sono andato a prendere le caramelle, sono andate a prendere una panetta a Cerignola con il casino che ci sta.

Interlocutore: Dai, 190?

Costantino: Fai 200.

Interlocutore: Non ti posso fare 200. Adesso perdiamo tutti questi soldi? Per 10 euro adesso vogliamo stare a fare casino?

Costantino: Si ma fallo adesso, la prossima volta lo sai, 200. Se no, non mi chiamare. Non prendo una lira. Lo sai che significa 10 euro di nafta, e 180 e sono 190; e il rischio? Non voglio prendere niente? Basta, non mi conviene. Se non devo prendere niente e ci devo rimettere il rischio, mi sto a casa.

Interlocutore : Una panetta e mezza a 280 me la fai? Oh, io mi prendo una panetta e mezza Luigi: 280 euro contanti, già hai preso qualcosa, già hai preso un respiro stasera.

Costantino: 280 a posto. E quella 30 che mi dovevi dare?

Interlocutore: No, quella 30 che ti dovevo dare è una cosa a parte. Adesso ti do 280 e la facciamo finita, poi mi devi portare l’altra mezza panetta.

Costantino : A posto, a posto.

Interlocutore: Ma è sempre lo stesso fumo Luigi? (fumo in gergo vuol dire hashish, ndr).

Costantino : Sempre questo, è il «G» (con riferimento ad una particolare qualità di hashish, annotano i finanzieri nella trascrizione dell’intercettazione).

Orta Nova Una delle intercettazioni contro il principale indagato del blitz antidroga «Delirium» della Guardia di Finanza sfociato in nove arresti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

 
Trans sequestrato e pestato da cliente

Trans sequestrato e pestato da cliente

 
Tragedia sfiorata in autostrada: due anziani in viaggio contromano, salvati dalla stradale

Tragedia sfiorata in autostrada: due anziani in viaggio contromano, salvati dalla Polstrada

 
Sanitaservice Foggia, superstipendi e spese pazze per mezzo milione:sequestrati beni all'amministratore

Sanitaservice Foggia, superstipendi e sprechi: sequestro beni ex amministratore

 
Strage braccianti: al via le indagini per caporalato a Foggia e Larino

Strage braccianti nel Foggiano: indagati tre imprenditori agricoli

 
«Nessuna richiesta di estorsione»Sette indagini in cerca d'autore

«Nessuna richiesta di estorsione»
Sette indagini in cerca d'autore

 
Tremiti, sette baresi finisconocon gommone sugli scogli: salvi

Tremiti, soccorsi sette baresi finiti con gommone a nolo sugli scogli

 
Foggia, beccato con dieci chili di droga: patteggia due anni

Foggia, beccato con dieci chili di droga: patteggia due anni

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS