Lunedì 23 Luglio 2018 | 12:04

san severo

Lo scempio dell’ex sede Inam
palazzo abbandonato ai vandali

Diventato ricettacolo di rifiuti dopo essere stato saccheggiato

Lo scempio dell’ex sede Inam palazzo abbandonato ai vandali

di Angelo Ciavarella

SAN SEVERO - Il Comune di San Severo si deve riappropriare dell’ex sede Inam di via Turati per riqualificare l’immobile ed adattarlo alle esigenze di coesione sociale nonché favorire lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali giovanili. È quanto chiedono i residenti della zona per riqualificare un edificio da mesi abbandonato, sempre più preda di vandali, tossici e senza fissa dimora. Infatti, dopo la decisione dell’Asl di trasferire i propri servizi presso l’ospedale sanseverese di via Teresa Masselli, l’immobile di via Turati è stato abbandonato e lasciato alla mercé di ladri che hanno rubato arredi e tutto ciò che può essere rivenduto.

Una situazione a dir poco imbarazzante è quella che offre da mesi la struttura, situata vicino alla stazione ferroviaria: l’idea rilanciati da residente del rione e non solo è quella di trasformare l’immobile abbandonato in un centro di aggregazione sociale, da destinare ad attività di promozione socio culturale. Gli spazi riorganizzati potrebbero essere utilizzati dal Comune in sinergia con le associazioni locali per avviare laboratori urbani, centri di ascolto o come sede da offrire in locazione gratuita a giovani imprenditori per la realizzazione di start up. L’idea è quella di realizzare quindi un laboratorio di idee, uno spazio culturale moderno, con aree di coworking comunali per i neolaureati della città, una sala riunioni e un info point turistico. Guide e operatori culturali potrebbero guidare escursioni nei vari siti di interesse del territorio come Castel Fiorentino oppure la via religiosa verso San Giovanni Rotondo. Senza dimenticare i tour enogastronomici che potrebbero interessare i numerosi viaggiatori che approdano in città attratti dal Gargano.

Ma finché l’immobile rimarrà all’Asl, pare quasi inutile parlare di qualsiasi tipo di ristrutturazione. Discorso diverso se tornasse patrimonio comunale, l’edificio di via Turati a quel punto potrebbe essere candidato a finanziamento e rigenerato secondo nuove e più moderne esigenze, promuovendo attività di socializzazione e coesione sociale. Progetto che potrebbe contribuire ad offrire nuove opportunità lavorative per i giovani sanseveresi costretti molto spesso a lasciare il territorio in cerca di una occupazione in Regioni o addirittura Nazioni più floride. Diventa persino imbarazzante assistere alla vandalizzazione continua dell’immobile, un tempo punto di riferimento dei servizi sanitari della zona. Inoltre la struttura abbandonata per colpa dei soliti incivili sta diventando un immondezzaio che emana cattivo odore e la situazione appare destinata a peggiorare con l’arrivo della stagione estiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Colto da infarto sulla nave interviene motovedetta

Colto da infarto sulla nave
interviene motovedetta

 
Foggia, a fuoco discarica sequestrataIl sindaco: tenere le finestre chiuse

Foggia, a fuoco discarica sequestrata. Il sindaco: tenete le finestre chiuse

 
Estate in Puglia: in 600 salpano per le Isole Tremiti

Estate in Puglia: in 600 salpano per le Isole Tremiti

 
Omicidio De Rocco a Foggiaresta in cella 38enne di Casarano

Omicidio De Rocco a Foggia
resta in cella 38enne di Casarano

 
San Ferdinando, esecuzione in strada: commando fredda un pregiudicato

San Ferdinando, pregiudicato freddato nell'auto in centro Foto

 
Espiantati gli organi del 47enne molisano, prof. Milano: «Usata tecnica innovativa»

Espiantati gli organi del 47enne molisano, prof. Milano: «Usata tecnica innovativa»

 
Assaggiatore di pizza? Un corso post-laurea

Assaggiatore di pizza?
A Foggia un corso post-laurea

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS