Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 00:40

Italia ultima per cultura d'impresa

E' uno dei principali risultati della ricerca promossa da Siemens e realizzata dallo studio Ambrosetti, presentata a Cernobbio da Gian Maria Gros-Pietro
CERNOBBIO (COMO) - L'Italia è all'ultimo posto per capacità di promuovere la cultura a favore dell' impresa. E' questo uno dei principali risultati della ricerca promossa da Siemens e realizzata dallo studio Ambrosetti, presentata oggi a Cernobbio da Gian Maria Gros-Pietro.
Lo studio ha consentito di misurare uno dei fattori più rilevanti per l'attività e la competitività di un Paese: la cultura pro-business, ovvero l'insieme di atteggiamenti e comportamenti delle persone nei confronti della vita di impresa. L'indagine ha coinvolto sei Paesi: Italia, Germania, Spagna, Stati Uniti, Cina e Giappone. L'Italia divide l'ultimo posto con la Spagna mentre gli Stati Uniti si confermano al primo posto in assoluto. In Europa è, invece, la Germania a conquistare il primato.

Uno dei risultati più significativi emersi è stato l'atteggiamento degli italiani verso l'osservanza delle regole: più del 50% degli intervistati le attribuisce scarsa importanza, il 22% addirittura non lo ritiene importante. Anche i giovani tra i 18 e i 24 anni confermano questa attitudine. Il 19% degli italiani contro il 2% degli statunitensi ritengono addirittura lecito non rispettare le norme.
Il 58% degli italiani, secondo i dati dell'indagine, ritiene il merito il fattore principale per il raggiungimento del risultato contro l'84% degli Stati Uniti. Uguale atteggiamento italiano è quello della Cina (61%). In ritardo anche rispetto alla competenze, al lavoro in team e alla proattività. In controtendenza, invece, per quanto riguarda l'orientamento al risultato, il cambiamento e l'innovazione. L'Italia è in linea con gli altri Paesi europei anche se è ancora arretrata rispetto a Cina e Giappone.

«Dal confronto tra le dimensioni riguardanti comportamenti e attitudini individuali e quelle di contesto, relative al sistema Paese - ha spiegato Vittorio Rossi, amministratore delegato di Siemens Italia - risulta che i mali più profondi dell'Italia sono legati alla cultura del Paese. Come dire che gli italiani sono migliori della cultura dominante della nazione in cui vivono».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione