Cerca

Fazio: la ripresa economica può essere vicina

Il governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio, non nasconde il pericoloso avvitamento in cui si trova l'economia italiana. Ma, nella sua analisi, scorge uno spiraglio di ripresa e lancia un preciso messaggio a forze politiche e parti sociali: «E' necessario ristabilire un clima di fiducia»
ROMA - La fase economica «è difficile» ma «potrebbe delinearsi un momento favorevole per la ripresa. Occorre coglierlo». Il governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio, non nasconde il pericoloso avvitamento in cui si trova l'economia italiana. Ma, nella sua analisi, scorge uno spiraglio di ripresa e lancia un preciso messaggio a forze politiche e parti sociali. Il calo dell'attività produttiva, dice Fazio davanti alla platea dell'assemblea dell'Abi, «sembra aver toccato un punto minimo nel primo trimestre di quest'anno». Tanto che nel secondo semestre il Pil «potrebbe tornare a segnare un incremento, sia pure modesto». Sta alle istituzioni saper cogliere questo momento: «E' necessario un impegno dell'Esecutivo, delle parti sociali, delle imprese per non perdere l'occasione di invertire la tendenza negativa della nostra economia».

Il Governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio, esorta Governo e parti sociali, alla vigilia del confronto sul Dpef, ad un «impegno per non perdere l'occasione di invertire la tendenza negativa della nostra economia». Impegno che il Governatore - parlando all'assemblea dell'Abi - definisce «necessario».
Il governatore - concludendo il suo intervento - ha parlato di «passaggio congiunturale difficile. Potrebbe delinearsi - ha però aggiunto - un momento favorevole per la ripresa. Occorre coglierlo. E' necessario ristabilire un clima di fiducia, che dipende da come si agisce ma anche dalla manifestazione di una concorde volontà di agire per il progresso economico e civile del nostro paese».


IL PRIMO PROBLEMA E' COMPETITIVITA'INDUSTRIA
«Il problema dell'economia italiana risiede, come abbiamo di recente ampiamente argomentato, principalmente nella competitività dell'industria». Lo ha sottolineato il Governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio, nella sua relazione all'assemblea dell'Abi, mettendo in evidenza più volte il calo di competitività del sistema e la riduzione delle quote di export. Secondo Fazio un altro problema è rappresentato anche «dalla debolezza della domanda interna».

TERRORISMO SERVE EFFICACE RISPOSTA EUROPEA
Non deve influire sulle prospettive della ripresa economica mondiale «la ritornante azione del terrorismo». Lo mette in evidenza il Governatore della Banca d'Italia aggiungendo che «questa esige una coordinata, efficace risposta, sui diversi terreni, anche a livello europeo, e la prosecuzione delle iniziative per la distensione e la pacifica convivenza».

PER INFRASTRUTTURE OPPORTUNO LASCIARE SPAZIO AI PRIVATI
La realizzazione e la gestione delle opere pubbliche «non necessariamente devono essere a totale carico della amministrazione pubblica; è possibile, è opportuno, sulla base di criteri rigorosi e trasparenti, lasciare spazio all'imprenditoria privata». E aggiungendo che «alle banche si richiedono un impulso all'operativa nel settore e un'attenta valutazione dei progetti con riferimento alla qualità delle iniziative».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400