Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 20:24

Benzina schizza a nuovo record: 1,260 euro

Il pieno italiano è tra i più cari d'Europa. Si chiede l'introduzione di un'accisa mobile, ma il governo temporeggia
ROMA - La benzina alle stelle. E spinta dalle fiammate del greggio sui mercati internazionali, macina record di giorno in giorno, fino a toccare oggi il suo nuovo massimo storico: 1,260 euro per un litro di verde. E mentre per gli automobilisti italiani si profila una nuova estate all'insegna dell'emergenza caro-pieno con un litro di carburante salito di 0,110 euro al litro, vale a dire 220 lire del vecchio conio, si riapre il dibattito per un intervento del Governo. Sull'unico fronte a sua disposizione: la leva fiscale considerato che i prezzi dei prodotti petroliferi sono ormai da un decennio liberalizzati. Dai consumatori ai sindacati, passando per il responsabile economico dei Ds, Pierluigi Bersani, si alza un vero e proprio coro di richiesta di intervento sul fronte fiscale. Non per un 'bonus' come avvenne negli anni passati ma - è questa la richiesta avanzata da più parti - per l'introduzione di un'accisa mobile: un meccanismo cioè che garantendo fermo il gettito per lo stato usi l'accisa come ammortizzatore dei picchi della materia prima sui mercati internazionali senza interferire con le entrate.

Il governo frena e i petrolieri gli fanno sponda, ma uno spiraglio, almeno «teorico» arriva dal direttore fonti del ministero delle Attività produttive, Sergio Garribba. «In linea di principio si può fare. L'ipotesi andrebbe prima verificata a livello Ue»: si possono «tenere fisse le entrate per il Tesoro, fissando un tetto di incasso» e usare l'accisa come «strumento anticongiunturale» per combattere il caro-petrolio. Un intervento che però il viceministro all'Economia Giuseppe Vegas tende ad «escludere», mentre il ministro dell'ambiente Altero Matteoli giudica «un po' difficile» anche se - annuncia - «aspettiamo di conoscere le valutazioni dei ministri competenti». E a far da sponda torna anche il presidente dei petrolieri Pasquale De Vita che pur ribadendo che una misura fiscale «sarebbe auspicabile», ribadisce - conti alla mano - che il Governo non dispone di grandi margini di manovra: il gettito di quest'anno dovrebbe infatti registrare un calo di 100-200 milioni di euro per il calo dei consumi e lo spostamento progressivo della domanda dalla benzina al gasolio (su quest'ultimo incide un meccanismo di fiscalità diverso).
Bersani però insiste: «è una scorrettezza da parte del Governo non intervenire». E ricorda come la fiscalità sui carburanti sia «una tassa ombra che il cittadino non percepisce». Compatto il fronte di consumatori nel sostenere l'ipotesi del'accisa mobile. E, una volta tanto, alleato con i benzinai della Fegica-Cisl che da tempo sollecitano la stessa misura ricordando l'impossibilità, invece, di un intervento sull'Iva, soggetta alle norme Ue.
Mentre il Codacons ricorda, numeri alla mano, che il pieno italiano è tra i più cari d'Europa, dall'Adoc arriva una nuova stima sull'impatto per le famiglie italiane: ipotizzando - spiega - un barile a 80 dollari tra un anno per i consumatori si profilerebbe un'ulteriore stangata di 300 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione