Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 06:35

Turismo: la Cina sorpassa l'Italia

Almeno secondo l'Organizzazione mondiale del turismo, (Wto) che sostiene che Francia, Spagna e Usa continuano ad occupare i primi tre posti delle destinazioni più visitate al mondo mentre la Cina prende il tradizionale posto riservato al nostro Paese
ROMA - Il temuto sorpasso della Cina sull'Italia in quanto Paese ricettore di turismo è avvenuto. Almeno secondo l'Organizzazione mondiale del turismo, (Wto) che sostiene che Francia, Spagna e Usa continuano ad occupare i primi tre posti delle destinazioni più visitate al mondo mentre la Cina prende il tradizionale posto riservato all'Italia, il quarto gradino del podio delle mete più visitate al mondo.
Il rapporto del Wto spiega infatti che le destinazioni asiatiche hanno rinforzato significativamente la loro posizione: e così, anche se l'ordine delle tre destinazioni principali di turismo del mondo è rimasto identicamente con la Francia come guida incontestata, gli sviluppi del 2004 hanno incluso la Cina che assume la posizione tradizionalmente occupata dall'Italia - la quarta - come destinazione più visitata al mondo oltre all'entrata di Hong Kong (Cina) fra le dieci destinazioni principali di turismo.

La Francia rimane in testa come la destinazione più visitata del mondo con 75,1 milione arrivi turistici nel 2004, quasi lo stesso livello del 2003 (+ 0,1%). La Spagna, in cui gli arrivi turistici si sono sviluppati del 3,4 per cento, continua ad occupare il secondo posto con 53,6 milioni arrivi. E' seguita dagli Usa, con 46,1 milione arrivi, che mostra un recupero significativo dai risultati difficili degli ultimi tre anni (+12% rispetto a 2003).

Il cambiamento più notevole nella scala degli arrivi turistici internazionali è il movimento della Cina dal quinto al quarto posto. Nel 2004 la Cina completamente ha recuperato le battute d'arresto causate dallo scoppio della Sars ed ha registrato un aumento significativo del 27 per cento, realizzando quasi 42 milione arrivi turistici, mentre gli arrivi turistici in Italia sono scesi di oltre il 6 per cento, registrando un totale di 37,1 milioni.
Il Regno Unito si piazza in sesta posizione, con quasi 28 milioni di arrivi nel 2004 (+12%).
Hong Kong (Cina) ha fatto un'entrata spettacolare tra le prime dieci destinazioni turistiche piazzandosi in settima posizione dopo che, con un salto del 40 per cento negli arrivi in 2004, ha registrato quasi 22 milioni di presenze.
Il Messico (20,6 milioni) e la Germania (20,1 milioni) hanno mantenuto le stesse posizioni dell'anno scorso, mentre l'Austria (19,4 milioni) è caduto alla decima posizione.

Nel 2004, le 10 destinazioni principali del turismo hanno rappresentato insieme più di 363 milioni di arrivi turistici internazionali. Non tutte queste destinazioni però si sono sviluppate allo stesso passo. Le due destinazioni asiatiche, in Cina ed Hong Kong, hanno sorpassato altre destinazioni, crescendo ad un passo vicino al 9 per cento ciascuna, annualmente fra 1995 e 2004.
Fra le altre destinazioni, la Spagna sta mostrando le prestazioni più costanti con un tasso di accrescimento medio quasi del 5 per cento ogni anno. Nello stesso periodo la Francia e l'Italia si sono sviluppate in media da 2,5 e 2,0 per cento l'anno rispettivamente. Le due destinazioni americane hanno registrato i tassi di accrescimento più bassi, rispettivamente 0,6 per cento annualmente per gli Usa e 0,2 per cento per il Messico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione