Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 23:25

Competitività, primo via libera dal Senato

Il Governo ha incassato la fiducia sul maxiemendamento al decreto che dalla prossima settimana verrà esaminato alla Camera. I voti a favore sono stati 165 quelli contrari 112. ll decreto prevede, tra le principali misure, sgravi Irap per i neo assunti, lotta alla contraffazione, cessione del quinto dello stipendio per favorire i consumi
ROMA - Primo giro di boa per il decreto sulla competitività. Al Senato il Governo ha infatti incassato la fiducia sul maxiemendamento al decreto che dalla prossima settimana verrà esaminato alla Camera. I voti a favore sono stati 165 quelli contrari 112, un solo senatore si è astenuto. Dopo una prima levata di scudi sulla riduzione delle pene previste per i il reato di bancarotta e conseguente abbreviazione dei relativi termini di prescrizioneil ministro della Giustizia castelli ha annunciato che verrano ripristinate le pene. Il decreto prevede, tra le principali misure, sgravi Irap per i neo assunti, lotta alla contraffazione, cessione del quinto dello stipendio per favorire i consumi.
Ma anche snellimento burocratico, bonus per agevolare la concentrazione delle piccole e medie imprese e decollo del silenzio-assenso. Per il resto l'impianto del provvedimento conferma le deleghe al governo sulla riforma fallimentare e sulla riforma del processo civile, come anche la riforma degli incentivi alle imprese. Arrivano, poi, multe per chi compra griffe false, pene più severe per chi «contrabbanda» il made in Italy, abolizione della firma notarile per il passaggio di proprietà di auto e moto nuove ed usate.

Ecco in sintesi le principali misure contenute nel maxiemendamento:
BANCAROTTA: il decreto su cui il Governo ha incassato la fiducia equipara le pene edittali per il reato di bancarotta fraudolenta fino ad un massimo di 6 anni di reclusione per la bancarotta propria e impropria. La pena massima per la bancarotta fraudolenta scende quindi da 10 ai a 6 anni. Tuttavia il ministro della Giustizia Castelli ha preannunciato che, nei decreti legislativi, il Governo ripristinerà le pene.

PROCESSO CIVILE: è prevista una delega al governo per riformare il codice di procedura civile. E' previsto tra l'altro il riordino del giudizio in Cassazione. Inoltre, entrano nel processo civile le notificazioni telematiche con le quali si può essere chiamati a testimoniare anche via e-mail.

LOTTA A CONTRAFFAZIONE: In arrivo sanzioni più dure per chi produce e vende merce contraffatta, e multe da 50 fino a 10 mila euro anche per chi acquista «consapevolmente» prodotti falsi. Viene isituita la figura di un Alto commissario per la lotta alle contraffazioni.

AUTO E MOTO: Saranno meno cari i passaggi di proprietà di auto e moto, sia nuove che usate, perchè non ci si dovrà più rivolgere al notaio. Per il passaggio di proprietà dovrebbe dunque essere sufficiente la sola registrazione al Pra.

LEGGE FALLIMENTARE: previste modifiche alla legge fallimentare in materia di revocatoria e di concordato. Sarà la delega al Governo a stabilire le modalità dei ritocchi.Viene introdotta l' «esdebitazione», cioè la possibilità, al termine della procedura fallimentare di ottenere la cancellazione dei debiti residui dell'imprenditore.

NUOVE ATTIVITA': arriva una nuova disciplina per la dichiarazione di inizio attività che non si applica comunque alle materie della difesa, pubblica sicurezza, immigrazione, giustizia, finanze, salute pubblica, patrimonio culturale e paesaggistico, ambiente e per gli adempimenti comunitari.

RIFORMA DEGLI INCENTIVI: Per i nuovi bandi è prevista la sostituzione del finanziamento a fondo perduto con interventi così composti: fino al 50% da contributo in conto capitale; 25% credito agevolato e 25% credito bancario.

IRAP: rafforzamento dei benefici Irap per le nuove assunzioni con un importo deducibile moltiplicato per 5 nel Sud e per 3 nelle aree sottoutilizzate del centro nord rispetto agli importi attuali.

LAVORO: proroga degli ammortizzatori sociali, innalzamento ed estensione indennità disoccupazione; agevolazioni alla mobilità territoriale; misure per la formazione.

CESSIONE DEL QUINTO: Sarà possibile cedere un quinto della pensione e dello stipendio per ottenere prestiti anche da parte di pensionati, soggetti con contratti a termine e parasubordinati.

OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE: possibilità per le banche di emettere obbligazioni a fronte della creazione di un portafoglio crediti segregato.

MERCATO ELETTRICO: accelerazione dell'apertura del mercato e della diffusione di pratiche di determinazione dei costi dell'energia elettrica non fondati su tariffe amministrate.

ACCELERAZIONE DEL PROCESSO CIVILE: notificazioni telematiche, snellimento del processo esecutivo, stabilizzazione dell'ordinanza cautelare di urgenza, agevolazioni per la spontanea esecuzione del giudicato di condanna

RAFFORZAMENTO DELLA BASE PRODUTTIVA: adeguamento del Fondo di garanzia pubblica ai requisiti di Basilea 2; premio di concentrazione per le piccole imprese. Estensione dei requisiti di accesso alle agevolazioni in tema di autoimprenditorialità. Prolungamento, al 2008, della partecipazione del FAS alla copertura degli oneri per interessi del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese per un importo pari a 100.

ICI GRANDI IMPIANTI: abolizione della norma contenuta nell'ultima legge finanziaria.

INVESTIMENTI IN RICERCA: destinazione del 30% del Fondo rotativo per progetti congiunti università o enti ricerca-imprese.

SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA: possibilità di avvio attività, anche produttive, in mancanza di rifiuto entro 30 giorni da parte dell'amministrazione. Il silenzio-assenso sostituisce ogni provvedimento di autorizzazione o permesso se fondato sul mero accertamento dei requisiti di legge, senza esercizio di poteri discrezionali. Misura che non si applica alle attività inerenti: difesa nazionale, beni culturali, pubblica sicurezza, giustizia, tutela della salute, della pubblica incolumità e atti imposti dalla normativa comunitaria. Ampliamento del meccanismo del silenzio-assenso per molti procedimenti ad istanza di parte (esclusi quelli a carattere fiscale). Semplificazione ed abrogazione della normativa non più attuale con alcune specifiche esclusioni, come i codici, la normativa fiscale e previdenziale. Sportello telematico per le attività produttive da avviare entro il 30 giugno 2005. Obbligo della P.A. di ricevere tutta la documentazione inviata telematicamente e trasmissione telematica di atti e documenti rilevanti a fini fiscali.

INFRASTRUTTURE: Rifinanziamento della legge obiettivo, interventi di riqualificazione urbana: accelerazione della realizzazione di rigassificatori, in quanto infrastrutture di interesse strategico; risorse per investimenti nel servizio idrico integrato.

SVILUPPO TECNOLOGIE: esclusione degli oneri fiscali in caso di cessione di Pc dell'impresa privata ai dipendenti e per le donazioni di Pc a organizzazioni di volontariato e Onlus.

AGROLIMENTARE: Affidamento contratti di filiera e di programma all'Istituto per lo Sviluppo Agroalimentare spa. Contratti di filiera distrettuali,. premi per adesione a contratti interprofessionali. Soppressione del Fondo Interbancario di garanzia.

TURISMO: trasformazione dell'Enit in spa che concentrerà la riorganizzazione dell'offerta turistica e la promozione all'estero del «Sistema paese».

CONSOB: Entro 18 mesi dall'entrata in vigore del decreto la Consob potrà assumere «mediante chiamata diretta e con contratto a tempo determinato non più di quindici persone che, per i titoli professionali o di servizio posseduti, risultino essere idonee all'immediato svolgimento dei compiti di istituto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione