Cerca

Dimmi come ti senti e ti dirò cosa compri

E' quanto emerge da una ricerca dell'Istituto Lexis Psycholinguistic, che utilizza appunto la psicolinguistica, una metodologia indirizzata allo studio di codici di pensiero e di linguaggio collettivo
MILANO - Per oltre il 70% dei casi gli acquisti, ma anche le letture o le scelte dei programmi in tv,sono influenzati dal proprio stato d'animo, dall'emotività, insomma dallo stile di approccio alla vita.
E dopo decenni di euforia o di senso dell'onnipotenza, nel campo emotivo degli italiani oggi prevale un sentimento di disagio, e la sfera emotiva è presa di mira da parole come stress, tormento, uomo nero, euro, multinazionali, salto nel vuoto.
E' quanto emerge da una ricerca dell'Istituto Lexis Psycholinguistic, che utilizza appunto la psicolinguistica, una metodologia indirizzata allo studio di codici di pensiero e di linguaggio collettivo. Con questo sistema è stata disegnata una mappa della popolazione italiana fondata non solo sulle normali variabili socio-demografiche, ma anche sulla base della sfera emotiva. Obiettivo della ricerca, presentata oggi a Milano, studiare gli effetti delle percezioni emotive sui consumi, ma anche offrire alle aziende uno strumento per indirizzare le loro azioni di marketing. Uno strumento che ha anche un nome: 'emotional navigator'.

Secondo i ricercatori, agli anni '80, caratterizzati 'dall'onnipotenza pataccara', ai '90, epoca della new age, e a quelli precedenti l'11 settembre, dove prevaleva la ricerca della qualità della vita, sta seguendo un periodo contrassegnato da un forte disagio sociale. Da una campionatura di un migliaio di individui tra i 16 e i 74 anni, emerge che in questo periodo dal punto di vista emotivo gli italiani si dividono in 6 macroaree: contro-temporalità, pro-positività, bunkerizzazione, intellettualità, contro-dipendenza, sovra-eccitazione.
La prima area è quella più numerosa (35,1%). Sono i nostalgici del passato, quelli che riempiono il carrello di alimenti classici e genuini, amano i prodotti stile retrò, la musica anni '70 e il cinema. Spendono molto per cibo e bellezza e poco per viaggi e vacanze. In tv seguono la cultura e, in apparente contraddizione, le telenovelas. Canali preferiti Retequattro, Raiuno e Raidue.
C'è poi un 33,1% classificabile nell'area della pro-positività, dove prevale la sfera affettiva e la cultura del 'no problem'. Sono soprattutto famiglie giovani, che fanno progetti, volontariato, manifestazioni per la pace. In tv (il loro canale preferito è Canale 5) guardano soprattutto satira, sport e programmi di attualità.
Quindi arrivano i Bunkerizzati (11,3%), prevalentemente anziani, chiusi nell'isolamento. In loro prevale la delusione, il senso di impotenza. Consumano in genere molto poco e le loro spese sono quasi tutte destinate a cibo, casa e salute. Col telecomando in mano saltano subito alle telenovelas, ma anche ai documentari scientifici. Canali preferiti Raidue e Raitre.
Il quarto gruppo è quello degli Intellettuali (7,4%). Di questa area fanno soprattutto parte donne casalinghe, nel senso però che stanno a casa perchè possono permettersi di non lavorare e dedicarsi ugualmente ad una vita di acquisti di lusso, viaggi e letture. Si considerano una elite, molto snob, grandi consumatori di surgelati e precotti perchè non hanno altri interessi che cucinare cucinare. Si siedono davanti al televisore per guardare giochi a quiz, ma anche varietà ed intrattenimento. Canale preferito Raitre.
I Contro-dipendenti (6,8%), sono invece coloro che provano un forte senso di impotenza-ribellione nei confronti della società e della famiglia, e per questo acquistano articoli vistosi e chiassosamente trasgressivi, nel campo delle auto come nell'abbigliamento o nelle ultime tecnologie. Sono poco interessati a spendere per la loro salute. In tv (soprattutto su La 7, Raitre e Sky) guardano programmi di cultura, reality show, talk show.
L'ultima area, e quella più piccola (6,4%),è dei sovraeccitati. Fanno parte della nuova generazione o almeno si atteggiano come se lo fossero. Per sentirsi vivi devono andare sempre alla ricerca di nuovi trend. I canali che guardano con più interesse sono Mtv, Sky e Italiauno, soprattutto programmi di divertimento e satira.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400