Cerca

Gli Agnelli ad un passo da perdere la Fiat

L'amministratore delegato Sergio Marchionne ha fatto valere l'intesa che prevede l'ingresso degli istituti di credito nel capitale quale contropartita per la mancata restituzione del finanziamento di 3 miliardi di euro stanziato nel 2002
MILANO - Il confronto Fiat-Banche sul Convertendo è arrivato al capolinea, con gli Agnelli che dopo oltre un secolo si avviano a cedere il controllo del Lingotto. Nell'incontro ai massimi livelli a Milano l'amministratore delegato Sergio Marchionne ha fatto valere l'intesa che prevede l'ingresso degli istituti di credito nel capitale quale contropartita per la mancata restituzione del finanziamento di 3 miliardi di euro stanziato nel 2002.
Così, a meno di tre anni dalla firma del prestito, le Banche (2 straniere e 6 italiane con in testa Intesa, Unicredit, SanPaolo e Capitalia), sia pure di malavoglia, hanno quindi di fronte la prospettiva di diventare a questo punto tutte insieme già dal prossimo settembre azioniste di Fiat con una quota intorno al 27-28%. Con gli Agnelli che dall' attuale 30% scenderanno al 22%.

Gli istituti di credito, da parte loro, diventando azionisti di riferimento del Lingotto, potranno affiancare ai vertici attuali altri manager, allo scopo di continuare a perseguire gli obiettivi della ristrutturazione del prossimo triennio, che da parte sua anche Fiat ha ribadito in un comunicato congiunto di voler conseguire.

Ma le Banche non sembrano al momento un blocco unito, e alcune hanno già avviato la riflessione sul da farsi. Sul tavolo delle banche più esposte è già arrivata una proposta di Lehman Brothers che sulla falsariga di quanto già fatto per Piaggio, offrono di rilevare il convertendo in cambio di quote di una nuova società (newco) nella quale entrerebbero non meglio precisati imprenditori. Nei mesi scorsi come possibile 'cavaliere biancò in molti avevano guardato a Roberto Colaninno ritenuto pronto a una nuova sfida dopo il rilancio di Piaggio. Ma l'imprenditore mantovano ha da parte sua già smentito ogni coinvolgimento. Altre proposte da banche d'affari e case d'investimento potrebbero comunque arrivare da qui a settembre, secondo le aspettative delle stesse banche.

Per quanto riguarda i singoli istituti, per tamponare le perdite sul prestito, alcuni degli istituti si sono già mossi. Banca Intesa, la più esposta per 650 milioni di euro, ha già coperto le perdite previste con strumenti derivati per 380 milioni, limitando l'impatto reale sul conto economico a 20 milioni di euro. Unicredit, che ha partecipato al prestito per 625 milioni, ha scelto invece la via dell' accantonamento (per 108 milioni) per coprire una perdita stimata di circa 240-245 milioni. SanPaolo Imi, che ha contribuito al finanziamento con 400 milioni, ha invece imputato 167 milioni come perdita presunta. Accanto a queste ultime a cercare una via d'uscita per evitare oneri troppo pesanti in bilancio ci sono Capitalia, che aveva partecipato per 325 milioni più 100 del Banco di Sicilia, Bnl (300 milioni), Mps (250 più 50 di Banca Toscana), Abn Amro e Bnp Paribas (150 l' uno).

E mentre da più parti si fa notare come a questo punto bisognerà vedere quale sarà il futuro industriale del colosso automobilistico torinese una volta in mano ai soci bancari in prima battuta, l' incontro di oggi sembra sancire la fine dell' era Agnelli al vertice del Lingotto.
L' incontro di oggi, durato 3 ore, era cominciato nel pomeriggio. Di fronte, per Fiat il presidente Luca Cordero di Montezemolo e l' ad Sergio Marchionne, per le banche tutta la schiera degli amministratori delegati: Corrado Passera per Intesa, Matteo Arpe per Capitalia, Alfonso Iozzo per SanPaolo Imi e Alessandro Profumo per Unicredito Italiano.
Al termine, la diffusione della nota congiunta che evidenziava senza tentennamenti, diversamente da quanto atteso da giorni da mercati, analisti e operatori, la conversione integrale del prestito Convertendo. «Nel corso dell' incontro - ha sottolineato in particolare il comunicato - sono stati confermati i dati economici e finanziari del gruppo. La Fiat ha ribadito l'impegno a conseguire gli obiettivi già annunciati per il 2005, 2006, 2007. Si è confermata la conversione del finanziamento 'Convertendo' nel mese di settembre 2005 e le Banche - sottolineava la nota - hanno ribadito la loro volontà di supportare i vertici del gruppo impegnati nel conseguimento degli obiettivi dei prossimi tre anni».
La partita andata in scena nel pomeriggio tra Fiat e le banche per il prestito convertendo ha fatto correre in Borsa il titolo della casa piemontese risalito sopra il prezzo nominale a 5,15 euro (+6,73%).

Le azioni della società sono apparse in buona salute sin dalle prime contrattazioni tanto che, a un'ora dal loro avvio, il titolo Fiat era in rialzo dell'1,89% a 4,91 euro. A metà pomeriggio, poi, Fiat ha allungato il passo fino a riagganciare i 5 euro. Intorno alle 16,10, quando iniziava il vertice con le banche, il titolo ha vissuto una forte accelerazione volando del 4,02% a 5,02 euro, per toccare un massimo a 5,12 euro (+6,14%) nel finale.
A fine seduta gli scambi hanno raggiunto quota 31,5 milioni di pezzi pari al 3,9% del capitale ordinario, anche grazie all'ondata speculativa. E' arrivata infine la notizia dell'acquisto, lo scorso venerdì, da parte del direttore finanziario di Fiat, Luigi Gubitosi, di 20.794 azioni a un prezzo unitario di 4,8089 euro per un controvalore complessivo di 99.996,27 euro. Un acquisto che si unisce a quelli dello stesso Marchionne e dei altri top manager del gruppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400