Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 04:12

Matteo Colaninno nuovo presidente Giovani imprenditori

Eletto con 190 voti a favore su 193 votanti (2 astenuti e una scheda bianca), Colaninno resterà in carica per il triennio 2005/2008
Matteo Colaninno, giovani imprenditori ROMA - Matteo Colaninno, vice presidente del gruppo Piaggio, è il nuovo presidente nazionale dei giovani imprenditori di Confindustria. Eletto con 190 voti a favore su 193 votanti (2 astenuti e una scheda bianca), Colaninno resterà in carica per il triennio 2005/2008.
Mantovano, 34 anni, si è dedicato in passato alla gestione e allo sviluppo delle attività industriali e finanziarie che fanno capo alla holding di famiglia, Omnia holding. E' stato vice presidente dei giovani imprenditori dal 2002 mentre dal 2003 ha rivestito anche la carica di vice presidente della Confederazione europea dei giovani imprenditori.

SAREMO GLI IMPRENDITORI DELLA CRESCITA
I grandi temi dello scenario politico-economico e la centralità dell'impresa familiare sono i due pilastri del programma di Matteo Colaninno, eletto oggi presidente dei Giovani di Confindustria.
«Ci muoveremo su due direttrici fondamentali - ha detto Colaninno nel corso della sua prima conferenza stampa da leader del movimento dei giovani di Viale dell' Astronomia - solcheremo innanzitutto la tradizione dei Giovani, quella dei grandi temi di scenario. Il volo alto dei giovani, come l'ha definito Annamaria Artoni nella presidenza che mi ha preceduto. Ma il contesto dell'economia in cui operiamo ci impone anche di concentrare gli sforzi per prepararci ad essere gli imprenditori della crescita. Cercheremo di cogliere e comprendere le leve da attivare affinchè le imprese, ed in particolare le imprese familiari, possano continuare al meglio la loro attività».
Colaninno ha insistito molto sul concetto di impresa familiare. «Continuerà a essere - ha detto - la struttura portante della nostra economia. Come Giovani, cercheremo di capire i mutamenti, in termini di governance, affinchè le nostre imprese possano competere in un contesto di globalizzazione ed internazionalizzazione così spinte».
L'azione del suo triennio di presidenza dei Giovani, ha sottolineato infine Colaninno, sarà nel segno della «continuità con la presidenza precedente. Ci affacciamo a questa responsabilità - ha concluso - con moltissimo entusiasmo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione