Cerca

Trasmissione mensile dei dati retributivi all'Inps

Dal 1° gennaio di quest'anno i datori di lavoro, i committenti e gli associati in partecipazione, devono trasmettere mensilmente all'INPS i dati retributivi riferiti ai propri dipendenti e le informazioni necessarie per il calcolo e l'accredito delle contribuzioni
Dal 1° gennaio di quest'anno i datori di lavoro, i committenti e gli associati in partecipazione, devono trasmettere mensilmente all'INPS i dati retributivi riferiti ai propri dipendenti e le informazioni necessarie per il calcolo e l'accredito delle contribuzioni e per l'erogazione delle prestazioni spettanti ai lavoratori, anche se il primo termine di scadenza, in considerazione delle difficoltà connesse all'avvio del nuovo sistema, è stato differito al 30 aprile prossimo; data entro la quale i datori di lavoro interessati dovranno inviare all'INPS i dati relativi ai primi 3 mesi del corrente anno.

Le disposizioni normative.
La mensilizzazione dei flussi retributivi è stata prevista dall'art. 44 del Decreto Legge 30/9/2003 n°269 (convertito nella Legge n°326/2003) il quale, infatti, dispone che, a partire dalle retribuzioni del mese di gennaio 2005, i sostituiti d'imposta tenuti al rilascio del modello "CUD" (certificazione unica attestante gli imponibili fiscali e contributivi, le ritenute e le detrazioni d'imposta operate, l'ammontare dei contributi previdenziali ed assistenziali, ecc.) devono trasmettere per via telematica all'INPS, entro il mese successivo a quello di riferimento, i dati retributivi dei lavoratori occupati. Per committenti e associati in partecipazione, i dati dovranno essere invece trasmessi entro il mese successivo a quello di pagamento del corrispettivo della prestazione.
La trasmissione verrà effettuata con un nuovo modello di denuncia telematica, denominato "EMens", e riguarderà i lavoratori dipendenti, i parasubordinati e gli associati in partecipazione.

I datori di lavoro interessati.
Dovranno pertanto trasmettere mensilmente i modelli "EMens", i datori di lavoro già tenuti alla compilazione della sezione "C" del modello 770 semplificato; i committenti che hanno l'obbligo di compilare annualmente il modello "GLA" e gli associati in partecipazione.
All'invio telematico dei dati sono, inoltre, tenuti anche quei soggetti che non sono sostituti d'imposta, quali le ambasciate, gli organismi internazionali e le aziende straniere che occupano all'estero lavoratori italiani assicurati all'INPS. In pratica, sono esonerati dall'obbligo solo i datori di lavoro domestico ed i datori di lavoro agricolo (per gli operai occupati a tempo determinato o indeterminato).
I datori di lavoro, infine, che rivestono anche la figura di committente o di associato in partecipazione, dovranno trasmettere i dati retributivi congiuntamente.

La trasmissione dei dati.
La trasmissione dei dati potrà essere effettuata, sia direttamente dai datori di lavoro, sia da intermediari autorizzati (consulenti del lavoro, commercialisti, ragionieri, CAF, associazioni sindacali di categoria, società ed enti appartenenti a gruppi societari, in questo caso per conto degli enti e delle società appartenenti ai gruppi stessi).
L'INPS ha messo a disposizione dei datori di lavoro un apposito software di controllo che validerà e certificherà, dopo gli opportuni controlli, il "file" predisposto dalla procedura paghe, consentendone la trasmissione all'Istituto via Internet.

Le semplificazioni.
L'invio mensile dei dati semplificherà i rapporti con i datori di lavoro, comportando una riduzione della modulistica, delle dichiarazioni e delle certificazioni alle quali gli stessi sono tenuti.
In particolare, dal periodo di paga relativo al mese di gennaio 2005, l'operazione di mensilizzazione, portata a regime, permetterà di abolire alcune dichiarazioni dei datori di lavoro quali i modelli SA/SOST e SA/INT e dal 2006, i committenti non dovranno più presentare le denunce riepilogative annuali di modello GLA/R e GLA/C.
Infine, la tempestiva conoscenza dei dati retributivi consentirà all'INPS l'aggiornamento in tempo reale delle posizioni assicurative dei lavoratori e delle proprie banche dati, oltre ad una più sollecita liquidazione delle prestazioni.

Adolfo de Mattia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400