Cerca

Sviluppo sostenibile - Arriva la scarpa solidale

Design italiano, realizzata in Ecuador nel rispetto dei divieti dello sfruttamento dei lavoratori e dei minori. Sono destinate ad ogni fascia di età, a partire dal numero 24 al 45
ROMA - E' prodotta in Ecuador ma ha un design tutto italiano la prima scarpa solidale che arriverà nel nostro paese - per la prima volta in Europa - in occasione delle prossime collezioni autunnali. Cinque i modelli di queste calzature che sono realizzate in una piccola fabbrica di solidarietà del paese latinoamericano (la Zapeteria) nel rispetto dei divieti dello sfruttamento dei lavoratori e dei minori. Sono destinate ad ogni fascia di età, a partire dal numero 24 al 45.
La prima scarpa equa e solidale è un'idea della Comunità di Capodarco e della Cooperativa Nex Trade. Quest'ultima è nata nel 2002 ed ha l'obiettivo di commercializzare i prodotti dei lavoratori del sud del mondo, a partire dalla piccola realtà dell'Ecuador. In Italia la scarpa equa e solidale sarà distribuita, da settembre 2005, dalla Coop Italia.

Il costo al pubblico varierà a secondo dal modello ma non supererà i 30 euro. Il design di queste nuove calzature (la prima selezione dei modelli avverrà entro marzo) sarà tutto italiano: dall'Italia arriveranno le forme, i lacci, i fondi che non sono reperibili in Ecuador mentre in loco saranno acquistati pellame e gli altri componenti anche con l'obiettivo di favorire l'economia locale. Alla Zapateria, operativa già da anni, lavorano 50 persone di cui 26 disabili; la presenza femminile supera il 60%. Tutti i lavoratori sono soci della cooperativa ed hanno un contratto regolare. Guadagnano in media 135 dollari Usa al mese. La fabbrica produce 25 modelli di calzature; la produzione è di circa 30mila paia l'anno. Il fatturato dello scorso anno è stato di 287mila dollari Usa. L'utile della fabbrica è reinvestito in progetti sanitari e di alimentazione. Le aziende coinvolte nella produzione solidale sono monitorate sia nell'utilizzo dei materiali che nelle condizioni dei lavoratori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400