Cerca

Lunedì 23 Aprile 2018 | 17:11

Natale di austerity: meno qualità sulla tavola

Secondo rilevazioni della Confederazione italiana agricoltori gli italiani ridurranno i consumi di molti prodotti ortofrutticoli e di quelli tipici e tradizionali (in particolare Dop e Igp). Berranno anche di meno e brinderanno con molta più parsimonia
ROMA - Meno frutta, verdure, prodotti tipici, vino e spumanti. Il Natale 2004 e le altre feste di fine anno saranno, per l'alimentazione, all' insegna dell'austerity e di consumi ridotti. A rilevarlo è la Confederazione italiana agricoltori (Cia) la quale, attraverso un' analisi condotta sull' intero territorio nazionale, mette in risalto una tendenza che ormai si è andata consolidando negli ultimi mesi e che con il prossimo periodo festivo sembra accentuarsi. Insomma, secondo la Cia, gli italiani, rispetto allo scorso anno, nelle festività natalizie tireranno la cinghia e, visti i prezzi che si registrano al dettaglio, ridurranno i consumi di molti prodotti ortofrutticoli e di quelli tipici e tradizionali (in particolare Dop e Igp). Berranno anche di meno e brinderanno con molta più parsimonia.
Nel dettaglio, per frutta e verdura, nei giorni che vanno da Natale all' Epifania si spenderanno poco più di 1,3 miliardi euro, il 15% in meno nei confronti dell' analogo periodo del 2003. Per i prodotti tipici la spesa (-12%) si aggirerà attorno a 1,8 miliardi (di cui 700 milioni per Dop ed Igp), mentre per vini e spumanti il giro d' affari si attesterà su 1,1 miliardi, con una flessione del 10%. Secondo le elaborazioni e le proiezioni della Cia, i prodotti frutticoli che registreranno i maggiori cali nei consumi sono l'uva da tavola (-20%), le arance (-10%), le clementine (-5%) e le pere (-6%). Un andamento riflessivo dovrebbe aversi anche per la frutta secca (noci, nocciole, mandorle, pistacchi), tipica delle feste di fine anno, che diminuirà di circa l' 8%.

Anche per i prodotti orticoli la musica non è certo buona. La Cia prevede una flessione del 10% negli acquisti di cavolfiori, dell' 8% per le zucchine, del 15% per la lattuga, del 10% per il radicchio. Stesso discorso per i prodotti tradizionali. Secondo la Cia, si avranno diminuzioni del 7% per gli insaccati e i prosciutti e del 10% per i formaggi. Ma anche per gli oli firmati la situazione non è migliore. Si annuncia un calo nei consumi del 5%. Analogamente, le tradizionali lenticchie troveranno meno spazio nei cenoni di fine anno (-8%). Sul fronte dei vini e degli spumanti, la diminuzione dei consumi sarà meno accentuata. Durante tutto l'arco delle feste verranno stappate 75 milioni di bottiglie di spumante (-5%) e si berranno nei pranzi e nelle cene oltre 155 milioni di bottiglie di vino. Complessivamente 230 milioni di bottiglie contro 255 milioni del 2003.
Due, per la Cia, sono i motivi di questa contrazione nei consumi di prodotti agroalimentari: il primo è relativo alle minori disponibilità economiche degli italiani, mentre il secondo è addebitabile al forte incremento dei prezzi al dettaglio, in particolare di quelli ortofrutticoli, che si sta ormai registrando da molti mesi a volte cinquecento, seicento, settecento volte maggiori di quelli che vengono pagati all' origine al produttore agricolo.

«Da qui - sostiene la Cia - l'esigenza di una maggiore trasparenza dei prezzi in tutta la filiera agroalimentare, dal campo alla tavola, trasparenza che la proposta della Confederazione per il doppio prezzo (origine e dettaglio) da apporre sui cartellini di vendita al consumo può certamente dare». E in tale ottica si inserisce la petizione popolare, la cui raccolta di firme si sta già svolgendo in tutta Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Fitch,ottimismo su Npl dopo mossa Intesa

Fitch,ottimismo su Npl dopo mossa Intesa

 
Borsa: Wall Street apre in rialzo

Borsa: Wall Street apre in rialzo

 
Alitalia: meno in cassa integrazione

Alitalia: meno in cassa integrazione

 
Petrolio: in forte calo a New York

Petrolio: in forte calo a New York

 
TIm: Elliott, solo democrazia ritardata

TIm: Elliott, solo democrazia ritardata

 
Alitalia: Ue apre indagine su prestito

Alitalia: Ue apre indagine su prestito

 
Eurostat: deficit Italia 2017 al 2,3%

Eurostat: deficit Italia 2017 al 2,3%

 
Tim: tribunale accoglie ricorso società

Tim: tribunale accoglie ricorso società

 

MEDIAGALLERY

Lecce, bullismo a scuola

Lecce, bullismo a scuola

 
L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo delle coste salentine

L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo coste salentine

 
La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

 
Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

 
Puglia, Papa Francesco ad Alessano

Puglia, Papa Francesco ad Alessano

 
Papa Francesco celebra messa a Molfetta

Papa Francesco celebra messa a Molfetta

 
Papa Francesco

Papa Francesco da Alessano a Molfetta: tappe sui luoghi di don Tonino Bello

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
'It's a Boy!'

'It's a Boy!'

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Spettacolo TV
Gazebo, 16 brani per un tuffo nella italo disco

Gazebo, 16 brani per un tuffo nella italo disco

 
Italia TV
Anziano in coma dopo aggressione, il video delle telecamere di sorveglianza

Anziano in coma dopo aggressione, il video delle telecamere di sorveglianza

 
Economia TV
Cresce forbice sociale, a piu' poveri solo 1,8% redditi

Cresce forbice sociale, a piu' poveri solo 1,8% redditi

 
Meteo TV
Previsioni meteo per martedi', 24 aprile 2018

Previsioni meteo per martedi', 24 aprile 2018

 
Calcio TV
Serie A, Napoli batte Juve a Torino e riapre campionato

Serie A, Napoli batte Juve a Torino e riapre campionato

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin