Cerca

Fazio: «L'incertezza si supera innovando»

«In tutti i campi della vita è fondamentale operare per ridurre le incertezze, proiettarsi nell'avvenire, investire nel futuro, agire per lo stato sociale, per la crescita, per l'occupazione»
ROMA - «L'espansione delle transazioni finanziarie è stata negli ultimi tre o quattro lustri nettamente più rapida della forte crescita degli scambi commerciali e dell'attività economica: si avverte l'esigenza di un nuovo ordine monetario internazionale». Lo ha affermato il governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio, nel suo intervento ad un convegno organizzato dalla Luiss sui derivati della stabilità finanziaria.
«L'assetto del sistema monetario internazionale è il risultato di uno sviluppo spontaneo dei rapporti tra sistemi finanziari diversi in regime di libertà dei movimenti di capitale e di flessibilità dei cambi - ha ricordato il governatore - è aumentata notevolmente l'attività internazionale delle banche, ancor più è cresciuta quella di investitori internazionali che raccolgono risparmio ed effettuano investimenti su scala globale. Sono sorti nuovi operatori e nuovi mercati; si sono affermati nuovi strumenti». Il sistema, rileva Fazio, «non è compiutamente governato. Può apparire privo di un'ancora. E' fortemente influenzato dai comportamenti delle maggiori economie e delle più importanti monete».

DECISIVO STIMOLARE RICERCA E INNOVAZIONE
«Alla società dell'incertezza e del rischio si risponde preparando il futuro. Quando si prospetta la necessità di riforme strutturali ci si rivolge all'avvenire del paese».
«In questa prospettiva - ha continuato a spiegare il Governatore di Bankitalia - la ricerca e la capacità di innovare, da stimolare con organiche politiche, sono decisive».
«In tutti i campi della vita sociale, economica e politica - avverte Fazio - è fondamentale operare per ridurre le incertezze, proiettarsi nell'avvenire, investire nel futuro, agire per lo stato sociale, per la crescita, per l'occupazione. Dobbiamo trasmettere alle future generazioni non l'eredità di irrisolti problemi ma il testimone di un consolidato patrimonio di conquiste adattate ai tempi nuovi».
L'economia, aggiunge il governatore, «si sviluppa a sua volta in una società ben organizzata, con saldi ordinamenti giuridici, nella quale principi etici insieme con valori più alti presiedono allo svolgimento della vita economica e all'attività di produzione, scambio, informazione». Lo sviluppo, secondo il numero uno di Bankitalia, «tuttavia non nasce dalla finanza: questa è indispensabile per il suo sostegno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400