Cerca

Per il petrolio nuovo record: 44,26 dollari

A surriscaldare i mercati ha contribuito la voce secondo cui per il Golfo del Messico ci vorranno tre mesi per riportare la produzione a livelli pre-uragani
ROMA - Il prezzo medio del petrolio Opec ha infranto un nuovo record salendo a 44,26 dollari.
A surriscaldare i mercati, secondo l'Opec, ha contribuito il parere di alcuni esponenti ufficiali, corroborati da esperti, secondo i quali per il Golfo del Messico ci vorranno circa tre mesi per riportare la produzione a livelli pre-uragani. Anche la minaccia di scioperi in Nigeria ha contribuito a dare un colpo alle speranze di riduzione dei prezzi.
Il prezzo medio del petrolio Opec è basato su un «paniere» di sette diversi tipi di petrolio venduti dai paesi dell'Organizzazione, e viene reso noto il giorno lavorativo successivo alle transazioni.

Si susseguono senza sosta i record del petrolio. Stamani segna un nuovo primato anche il Brent, con i futures con consegna a novembre che al London's International Petroleum Exchange sono schizzati nei primi scambi a 48,45 dollari al barile.
Le quotazioni continuano a correre anche a New York, dove è stato ancora aggiornato il record, a 52,53 dollari. A pesare sono ancora i dati sulle scorte Usa diffusi ieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400