Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 14:29

Montezemolo: sicurezza è priorità Sud

Secondo il presidente della Confindustria «quello della sicurezza è un problema grave, storico, che invece di migliorare peggiora e che mette gli imprenditori in una situazione di pericolo e di scarsa competitività
VILLA SAN GIOVANNI (REGGIO CALABRIA) - Il tema della sicurezza è «la priorità delle priorità», ai fini dello sviluppo del Sud. Lo ha detto il presidente della Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo, in Calabria, ad Altafiumara di Villa San Giovanni, per un incontro con gli imprenditori calabresi. Secondo Montezemolo «quello della sicurezza è un problema grave, storico, che invece di migliorare peggiora e che mette gli imprenditori in una situazione di pericolo e di scarsa competitività. E' una responsabilita» dello Stato - ha aggiunto - tutelare la sicurezza dei cittadini e degli imprenditori». Il presidente degli industriali, secondo il quale il Mezzogiorno «deve diventare la nuova frontiera del paese e dell'Europa», ha indicato altri temi prioritari: «Pochi ma chiari - ha spiegato - perchè quando si parla del Mezzogiorno non si può discutere di tutti gli argomenti dello scibile umano». Montezemolo ha così citato il problema delle infrastrutture, della logistica, del turismo della finanza, dell'innovazione della ricerca. «La carenza di infrastrutture - ha affermato - rappresenta una delle ragioni che privano la Calabria della capacità di attrarre investimenti. Servono poche e condivise infrastrutture per le quali è necessario che tutti si impegnino». Per Montezemolo «bisogna creare un sistema di logistica efficiente per essere competitivi. La Calabria - ha poi osservato - ha una grande chance offerta dalle infrastrutture del mare e dal porto di Gioia Tauro». Parlando dell'autostrada Salerno-Reggio, «essa, al di là delle parole spese da tutti, - ha dichiarato - deve diventare un'autostrada vera e non una mulattiera».
Montezemolo ha annunciato che, nel corso dei quattro anni del suo mandato alla guida di viale dell'Astronomia, sarà in Calabria almeno una volta all'anno, «per testimoniare il concreto impegno degli industriali per lo sviluppo di questa regione». Secondo Montezemolo, «tra beni ambientali ed ambientali il Sud ha una grande possibilità, perchè nelle regioni del Sud c'è il 60% dei beni culturali italiani che a loro volta sono il 60% dei beni culturali di tutto il mondo. Ma è un delitto avere un indice di turismo internazionale così basso». A proposito del sistema bancario, «non è possibile - ha affermato - che da Roma in giù' le banche si dedicano in linea di massima alla raccolta del denaro. Abbiamo bisogno di banche che si assumano rischi da partners. Non è accettabile che il piccolo e medio imprenditore debba svenarsi per i debiti a breve termine». Il presidente della Confindustria ha parlato anche dei «costi», delle «inefficienze» e delle «lungaggini» della burocrazia, accennando poi all'importanza dell'innovazione tecnologica e della ricerca, evidenziando come, a questo proposito, sia «fondamentale il rapporto tra industria, università e territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione