Cerca

La Scuola sciopera contro la riforma Moratti

Astensione proclamata da Unicobas (aderiscono Cobas, Cub e Cgil) in coincidenza con la mobilitazione del Coordinamento in difesa del tempo pieno e della scuola pubblica
ROMA - Sciopero nella scuola domani e iniziative di protesta in tutta Italia contro la riforma Moratti. L'astensione dal lavoro è stata proclamata dall'Unicobas in coincidenza con una giornata nazionale di mobilitazione indetta dal Coordinamento nazionale in difesa del tempo pieno e della scuola pubblica. Mobilitazione alla quale hanno dato la loro adesione anche Cobas, Cub e Cgil.
Nutrito il pacchetto di iniziative messe in piedi dai coordinamenti di genitori e insegnanti. Già stasera al Mazda palace di Milano è prevista una serata dal tema esplicito «Le buone ragioni della scuola per tutti e per tutte continuano a resistere» alla quale dovrebbero partecipare molti artisti tra cui Claudio Bisio, Lella Costa, Moni Ovadia, Paolo Hendel.
Sempre a Milano domani pomeriggio sfilerà il primo corteo studentesco del nuovo anno scolastico organizzato dal Coordinamento dei collettivi studenteschi, di Milano e provincia.
A Torino raduno alle 17 a piazza Castello; a Bologna sarà in scena una protesta festosa con musica di strada, giocolieri e Clown; a Genova una catena umana circonderà la sede regionale della Rai; A Firenze genitori, bambini e insegnanti si ritroveranno a piazza Ss. Annunciata per una festa con animazione e spettacoli; a Napoli rappresentazione in piazza Carità; a Venezia corteo acqueo lungo il Canal Grande e ingresso ritardato di mezz'ora per gli alunni; a Palermo appuntamento alle 16.30 a piazza Politeama. Gli eventi organizzati per dire «no» alla riforma della scuola del Governo Berlusconi coinvolgeranno non solo città capoluogo ma anche centri minori della penisola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400