Cerca

Istat: «Cresce il costo di produzione»

L'aumento del petrolio tira la volata ai prezzi alla produzione: a luglio i costi della produzione dei prodotti industriali italiani sono aumentati dello 0,3%. I petroliferi e i prodotti in metallo crescono del 13%; i beni intermedi vanno a +5,8% e l'energia +3,8%. E' l'incremento tendenziale più alto registrato da aprile 2001
ROMA - L'aumento del petrolio tira la volata ai prezzi alla produzione: nel mese di luglio i prezzi alla produzione dei prodotti industriali italiani sono aumentati dello 0,3% rispetto a giugno 2004 e del 3,3% rispetto a luglio 2003. Lo comunica l'Istat, precisando che l'incremento tendenziale registrato è il più alto da aprile 2001.
Impennata per i petroliferi e i prodotti in metallo che crescono del 13%; i beni intermedi vanno a +5,8% e l'energia +3,8%.

La variazione della media degli indici generali degli ultimi 12 mesi agosto 2003-luglio 2004, rispetto a quella dei dodici mesi precedenti, è risultata pari a +1,5%. Nei primi 7 mesi del 2004 invece l'aumento dei prezzi alla produzione dell'industria rispetto ai primi sette mesi del 2003 è stato pari all'1,7%.
A luglio i prezzi alla produzione dei beni di consumo sono cresciuti dell'1% su base tendenziale mentre sono rimasti invariati su base congiunturale (+1,5% tendenziale i beni di consumo durevoli, +1% quelli non durevoli). I beni strumentali sono cresciuti dell'1,7% su base tendenziale (invariato il congiunturale) mentre i beni intermedi sono cresciuti del 5,8% su base tendenziale e dello 0,3% su base congiunturale. Boom dei prezzi dell'energia che segnano un +3,8% su base tendenziale e un +1% su base congiunturale.
A portare in alto la dinamica dei prezzi sono stati soprattutto, rileva l'Istat, i prezzi alla produzione dei prodotti petroliferi con un +1% sul mese e un +13% a luglio 2004 rispetto a luglio 2003. Lo stesso incremento tendenziale +13% è stato registrato ai prezzi alla produzione dei metalli e prodotti in metallo che hanno fatto salire la media dei beni intermedi. L'energia è cresciuta molto a livello congiunturale (+1% grazie soprattutto all'aumento di energia elettrica, gas e acqua, salito dell'1,1%) e anche a livello tendenziale (+3,8%). Complessivamente, all'interno della voce energia si registra un aumento molto alto del petrolio, ed una diminuzione tendenziale dei prezzi di energia elettrica, gas ed acqua (2,8%).
Il dato complessivo di aumento dei prezzi alla produzione dell'industria (+3,3%) arriva dopo il +3,2% di giugno e il 2,9% di maggio ed è il dato più alto, segnala l'Istat, ad aprile 2001.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400