Cerca

Assicurazioni, un patto Ania-consumatori

Dal 1° luglio si potrà accedere ad una conciliazione molto «semplice e rapida» per tutte «le controversie che riguardano incidenti con danni fino a 15.000 euro»
ROMA - Basta legali e contenziosi: per risolvere eventuali controversie in seguito ad incidenti automobilistici sarà sufficiente una procedura di conciliazione, molto più «semplice e rapida» della via giudiziaria. Lo annunciano, in una nota congiunta, l'Ania e le associazioni dei consumatori (Acu, Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Centro tutela consumatori utenti, Federconsuamtori e Lega Consumatori).
Alla procedura di conciliazione si potrà accedere da domani primo luglio per tutte «le controversie che riguardano incidenti con danni fino a 15.000 euro - si legge nella nota - ossia per il 90% dei sinistri che si verificano in Italia».
La conciliazione offre la possibilità di ricevere in modo semplice e rapido i risarcimenti richiesti, «senza inutili perdite di tempo e spese legali - aggiunge al nota - Chi, dopo aver presentato un reclamo alla compagnia, non sarà soddisfatto della risposta ottenuta dalla compagnia, potrà rivolgersi ad una delle associazioni dei consumatori che aderiscono alla Procedura di conciliazione».
L'associazione valuterà il caso e, se lo riterrà fondato, lo presenterà ad una Commissione di Conciliazione composta da un proprio rappresentante e da un rappresentante della compagnia di assicurazione. La Commissione dovrà decidere entro 30 giorni. Se la risposta, infine, non soddisferà ancora l'assicurato, si potrà sempre scegliere di non accettare e di procedere per vie tradizionali.
La Procedura non comporta alcun costo aggiuntivo o pagamento di competenze per il consumatore che decida di avviare la conciliazione, salvo, chiaramente, l'eventuale iscrizione all' associazione cui conferisce il mandato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400