Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 00:41

Censimento 2001 Istat: in Puglia occupazione +6,3%

L'aumento determinato dalle unità locali delle imprese (filiali e sedi periferiche) e dalle istituzioni nonprofit. In Basilicata aumenta la voglia d'impresa • Italia: boom della spesa pensionistica
BARI - Sono 237.568 le imprese e le istituzioni (pubbliche e no profit) censite in Puglia dall' Istat durante l' ottavo censimento generale dell' industria e servizi compiuto nel 2001. Rispetto al 1991 il numero delle imprese (191.010) è aumentato del 24.4%. Sono state inoltre rilevate 259.719 unità locali (imprese, filiali e sedi periferiche) che danno origine a 941.717 posti di lavoro, dipendenti e indipendenti. Il censimento del '91 aveva rilevato 217.043 unità locali e 886.038 addetti alle unità locali: l' aumento è stato rispettivamente del 19.7 e del 6.3%.
E' quanto emerge dai dati diffusi dall' ufficio regionale pugliese dell' Istat che rileva che l' aumento complessivo di 42.676 unità locali rispetto al 1991 è determinato dalla crescita delle unità locali delle imprese (+ 38.378) e delle istituzioni nonprofit (+5.798) e dalla diminuzione delle unità locali delle istituzioni pubbliche (- 1.500). In termini di addetti si registra un aumento di 55.679 posti di lavoro (+ 6.3%), dovuto in gran parte alle imprese con 49.271 posti di lavoro (+7,4%) e alle istituzioni nonprofit con 9.645 posti di lavoro (+55.1%), mentre nelle istituzioni pubbliche (( 3.237 addetti) si è riscontrata una flessione (-1,6%).
BARI IN FORTE CRESCITA, TARANTO IN CALO - A livello territoriale il 44,5% degli addetti lavora nella provincia di Bari, il 18,8% nella provincia di Lecce, il 14,6% nella provincia di Foggia, il 13,4% nella provincia di Taranto e l' 8,7% nella provincia di Brindisi. Nella sola provincia di Taranto si registra una diminuzione di addetti rispetto al censimento del 1991 (-3.865), nelle altre province si è avuta una crescita dell' occupazione, dovuta prevalentemente alle imprese: Bari (+ 43.232), Lecce (+9.854), Foggia (+4.237) e Brindisi (+2.221).
NELL' INDUSTRIA E NEI SERVIZI LAVORA IL 75% DEGLI ADDETTI ALLE UNITA' LOCALI DELLE IMPRESE - La maggior parte degli addetti si concentra nel settore industriale e nei servizi: infatti i due settori coprono il 71,9% a Foggia (capoluogo 77,4%), il 76,% a Bari (capoluogo 78,%), il 77,1% a Taranto (capoluogo 81,6%), il 72,4% a Brindisi (capoluogo 84,9%), ed infine il 73,9% a Lecce (capoluogo 77,2%). E' interessante segnalare che l' aumento degli addetti delle imprese in Puglia (+7,4%) è in linea con ciò che si riscontra a livello nazionale (+7,8%).
L' OCCUPAZIONE FEMMINILE AUMENTA IN TUTTI I SETTORI - Prosegue in Puglia, la crescita dell' occupazione femminile nel mondo del lavoro anche se con un andamento più frenato rispetto alla media nazionale: nell' ultimo decennio, infatti, le donne aumentano in Puglia la loro quota occupazionale dal 30,25% al 33,24% (a livello nazionale si è passati dal 34,89% al 38,44%).
IL LAVORO ATIPICO: 26.538 CO.CO.CO e 3.962 INTERINALI - Il lavoro atipico in Puglia segue lo stesso andamento di quello a livello nazionale, infatti il 65,2% dei 26.538 collaboratori coordinati e continuativi rilevati dal censimento lavora per le imprese, prevalentemente nel settore dei servizi. La quota rimanente si ripartisce fra istituzioni pubbliche (18%) e nonprofit (16,8%). I lavoratori interinali sono 3.962 (il 64,4% nelle imprese, il 32,2% lavora nelle istituzioni pubbliche e solo il 3,3% nelle istituzioni nonprofit).
FORMA GIURIDICA DELLE IMPRESE: LE SRL AUMENTANO DEL 147,3% - L' analisi delle imprese per forma giuridica mette in evidenza l' aumento del numero delle società di persone 25.698 (+40,2% rispetto al 1991), delle società a responsabilità limitata 19.722 (+147,3%), delle società per azioni (626, cresciute del 21,1%). Si riscontra, infine, un considerevole aumento delle società cooperative che passano da 2.612 a 4.058 unità con un incremento rispetto al 1991 del 55,4%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione