Cerca

Finmeccanica e Alcatel alleati «spaziali»

Alcatel Alenia Space avrà un volume d'affari stimato a quota 1,8 miliardi di euro nel 2004 e un organico di circa 7.200 dipendenti e «si qualificherà come leader indiscusso» nel mercato della produzione satellitare europea
MILANO - Finmeccanica e Alcatel hanno siglato l'accordo per la fusione delle attività e la creazione di un'alleanza nel settore spaziale mediante la costituzione di due società, cui verranno apportate le rispettive attività di produzione industriale e servizi satellitari. L'annuncio della firma del «memorandum of understanding» viene dato da una nota congiunta.
La prima società, Alcatel Alenia Space, sarà partecipata al 67% circa da Alcatel e al 33% da Finmeccanica e raggrupperà le attività industriali di Alcatel Space e Alenia Spazio. La nuova entità si specializzerà nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di sistemi spaziali, satelliti, apparecchiature, strumenti payload e relativi sistemi di terra.
La sede della struttura direttiva sarà in Francia e la società sarà attiva tramite cinque divisioni operative nelle telecomunicazioni, osservazione e scienza ottica, sistemi e radar di osservazione, navigazione, infrastrutture e trasporti. Alcatel Alenia Space avrà un volume d'affari stimato a quota 1,8 miliardi di euro nel 2004 e un organico di circa 7.200 dipendenti e, secondo le attese dei due gruppi, «si qualificherà come leader indiscusso» nel mercato della produzione satellitare europea.
La seconda società sarà partecipata da Finmeccanica al 67% e da Alcatel per il restante 33% e raggrupperà le attività operative e i servizi di Telespazio e Alcatel Space. La nuova entità si dedicherà alle attività e ai servizi per le soluzioni satellitari, che comprendono il controllo e lo sfruttamento dei sistemi spaziali, la fornitura di reti, servizi ad alto valore aggiunto, applicazioni multimediali e osservazione terra. La società, la cui struttura direttiva avrà sede in Italia, avrà un volume d'affari stimato attorno ai 350 milioni di euro nel 2004 e circa 1.400 dipendenti. Secondo le attese, il nuovo operatore si collocherà tra le società leader nei servizi spaziali.
La decisione di unire le forze nel settore spaziale è stata presa dai due gruppi «con l'obiettivo di soddisfare le esigenze di questo mercato in forte espansione e beneficiare dell'ampliamento del portafoglio clienti, facendo leva sull'elevata natura complementare delle tecnologie e delle competenze apportate da entrambe le società».
Sono state inoltre identificate importanti sinergie operative ed economia di scala, in particolare a livello di ricerca e sviluppo, sviluppo prodotto, politiche di approvvigionamento ed efficienza industriale. Queste sinergie «miglioreranno sensibilmente la redditività e saranno realizzate in linea con i cicli di business», spiegano Finmeccanica e Alcatel.
L'alleanza nel settore spaziale sarà soggetta alla supervisione e al coordinamento di un apposito comitato direttivo, co-presieduto dagli amministratori delegati di Finmeccanica e Alcatel.
La costituzione delle nuove entità dovrebbe essere completata entro la fine del 2004, dopo la sottoscrizione degli accordi definitivi e l'approvazione da parte delle assemblee degli azionisti e delle autorità normative.
Advisor di Finmeccanica è stata Lazard, mentre Alcatel si è avvalsa di Bnp.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400