Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 04:11

L'assicurazione del lavoro occasionale

Sono considerati lavoratori autonomi occasionali i soggetti che si obbligano a compiere un'opera oppure a prestare un servizio con lavoro prevalente proprio, senza vincolo di subordinazione
Dal 1° gennaio 2004, i soggetti che svolgono lavoro autonomo occasionale e gli incaricati delle vendite a domicilio, devono iscriversi alla "gestione separata", istituita presso l'INPS per i lavoratori parasubordinati dalla legge n.335/95, solo qualora il reddito derivante dalle predette attività superi i 5.000 Euro (art. 44 del Decreto legge n. 269/2003, convertito nella legge 24/11/2003 n. 326). In tal caso la contribuzione assicurativa dovrà essere versata alla Gestione entro gli stessi termini e con le stesse modalità previste per i titolari di collaborazioni coordinate e continuative.
In particolare, per i venditori a domicilio l'obbligo dell'iscrizione all'INPS e il relativo obbligo contributivo, scatta in presenza di un reddito annuo, riveniente dalla predetta attività, d'importo superiore ai 5.000 Euro l'anno, anche se la retribuzione viene corrisposta da parte di più committenti.
Per i collaboratori occasionali che svolgono l'attività in modo non abituale e che percepiscono redditi da lavoro autonomo fiscalmente classificati dall'art. 67, 1° comma, lettera l) del Testo Unico delle Imposte sui Redditi come "redditi diversi", l'iscrizione alla Gestione diventa invece obbligatoria solo se, nel corso dell'anno solare, la collaborazione svolta nei confronti di uno stesso committente supera i 30 giorni oppure il relativo compenso supera i 5.000 Euro.
IL LAVORO OCCASIONALE
Sono considerati lavoratori autonomi occasionali (art. 2222 del Codice Civile ) i soggetti che si obbligano a compiere un'opera oppure a prestare un servizio con lavoro prevalente proprio, senza vincolo di subordinazione e senza coordinamento da parte del committente e la cui attività sia priva dei requisiti della professionalità e dell'abitualità.
Adolfo de Mattia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione