Cerca

L'indennità di malattia dei parasubordinati

Sarà compresa tra 18 e 36 euro al giorno e spetterà ai lavoratori iscritti alla "Gestione Separata" istituita presso l'INPS dalla legge 335/95
Sarà compresa, quest'anno, tra 18 e 36 Euro al giorno, l'indennità di malattia spettante ai lavoratori parasubordinati (collaboratori coordinati e continuartivi, venditori porta a porta, liberi professionisti, ecc.), iscritti alla "Gestione Separata" istituita presso l'INPS dalla legge 335/95.
Chi ne ha diritto
L'indennità, che è stata riconosciuta ai "collaboratori" a decorrere dal 1° gennaio 2000, spetta agli assicurati che non risultano iscritti anche ad altra forma di previdenza obbligatoria e che pertanto versano alla Gestione la contribuzione in misura più elevata, pari quest'anno al 17,80 o al 18,80 per cento del reddito prodotto, a seconda dell'entità del reddito stesso.
Le condizioni
Per ottenere l'indennità, il richiedente:
1) deve avere un reddito non superiore al 70% del massimale reddituale sul quale si versano i contributi; il limite di reddito previsto quest'anno per beneficiare della prestazione è pari ad € 56.273,70 (70% del massimale di € 80.391,00 in vigore lo scorso anno);
2) deve aver versato almeno 3 mesi di contribuzione (quest'anno per l'accredito di un contributo mensile è necessario il versamento di € 191,19 );
3) deve essere affetto da una malattia che comporti il ricovero ospedaliero presso una strutture pubblica oppure presso una struttura privata accreditata al Servizio Sanitario Nazionale o, infine, presso una struttura ospedaliera estera autorizzata o riconosciuta dal S.S.N.
La misura
L'indennità spetta per un massimo di 180 giorni ad anno solare ed è pari ad una percentuale del "massimale contributivo" in vigore per l'anno in cui ha avuto inizio il ricovero, che varia in rapporto ai mesi di contribuzione accreditata in favore del richiedente nei 12 mesi precedenti la data del ricovero, ed è pari all'8% del massimale contributivo, se la contribuzione accreditata non supera i 4 mesi ; al 12%, se risultano accreditate da 5 ad 8 mensilità di contribuzione e al 16%, se i mesi accreditati sono compresi tra 9 e 12.
Gli importi del 2004
Poiché il massimale contributivo è stato determinato per il corrente anno in € 82.401,00, l'indennità di malattia sarà calcolata su 225,76 Euro ( importo pari al massimale di 82.401 Euro diviso per 365 giorni ) e corrisponderà, pertanto - per ogni giornata indennizzabile - ad € 18,06, per accrediti contributivi fino a 4 mesi; ad € 27,09, per accrediti compresi tra 5 e 8 mesi, ad € 36,12 per accrediti compresi tra 9 e 12 mesi.
Per ottenere l'indennità, gli interessati dovranno farne richiesta agli Uffici INPS competenti per territorio entro il termine di 180 giorni dalla data di dimissione dalla struttura ospedaliera.

Adolfo de Mattia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400