Cerca

Lunedì 23 Aprile 2018 | 05:51

Economia - L'inflazione resta alta

Scendono i prezzi degli alimentari, ma il caro petrolio inchioda le percentuali inflative al 2,3%. Firenze il capoluogo più caro, Trieste e Palermo le più virtuose
ROMA, 29 aprile 2004 - Il caro-petrolio, complice la frenata del supereuro, inchioda l'inflazione per il terzo mese consecutivo al 2,3%. Il carovita non riesce dunque a sbloccarsi da questa soglia, anche se una voce molto pesante per il carrello della spesa, vale a dire gli alimentari, comincia finalmente a mostrare il segno meno. Senza contare l'abituale flessione delle comunicazioni. Secondo gli analisti, dunque, la tendenza è per un rallentamento dell'inflazione, ma le opinioni divergono su quando il carovita metterà finalmente la retromarcia.
Secondo le 13 città campione che oggi hanno diffuso i dati, i prezzi su base mensile sono cresciuti dello 0,2%. L'aumento più forte spetta a Firenze (+0,4%), mentre le città più virtuose sono state Trieste e Palermo, dove i prezzi sono rimasti invariati. Il dato, in ogni caso, dovrà essere confermato dall'Istat, che già domani diffonderà la sua stima provvisoria e il 14 maggio comunicherà il risultato definitivo. Ma la prima analisi degli esperti macroeconomici dice chiaramente che a tenere su l'inflazione, che altrimenti avrebbe già cominciato a scendere secondo le previsioni della fine dell'anno scorso, è il greggio: «In particolare - spiega Paolo Guida di Tradinglab - pesa il petrolio espresso in euro, a causa della frenata della moneta unica europea nei confronti del dollaro». Gli effetti si vedono soprattutto sulla benzina e quindi alla voce trasporti, cresciuta in modo particolare nelle grandi città, con il +1% di Milano, il +0,9% di Roma e Bologna e il +0,8% di Torino. Il capitolo abitazione, che comprende anche i consumi energetici per il riscaldamento, mostra invece degli incrementi più contenuti, grazie al calo delle tariffe della luce deciso dall'Autorità per l'energia a partire proprio dal primo aprile: «Il calo delle tariffe - afferma Donato Berardi del Ref - ha dato una grossa mano, perché altrimenti l'inflazione sarebbe già al 2,4%. La componente energy, in questo mese, ha così segnato un incremento dello 0,4-0,5%, contro il +3% del primo trimestre dell'anno scorso». Anche secondo Giada Giani di BancaIntesa l'apporto del petrolio è stato forte, e continuerà anche a maggio.
L'altro settore che, secondo Guida, mostra qualche tensione è quello del turismo, spalmato su vari capitoli di spesa. L'analista sottolinea che «ci sono aumenti sia per il tempo libero che per gli alberghi». La voce alberghi, ristoranti e pubblici esercizi cresce in particolare nelle città d'arte, forse a causa delle festività pasquali. Basti vedere quello che è accaduto a Firenze, dove la voce ha subito un'impennata, su base mensile, del 3,4%. E non scherza neanche Roma, dove per dormire e mangiare fuori si spende l'1,3% in più rispetto a marzo. In controtendenza è invece Venezia, che segna un modesto +0,2%.
Ma se per mangiare fuori si spende di più, per fare la spesa si comincia finalmente a sborsare cifre più basse. «Il processo di rientro degli alimentari - spiega Berardi - è molto positivo e se non ci saranno gelate o siccità porterà buone notizie anche nei prossimi mesi». Meno ottimistica è la previsione di Guida, che nota come i ribassi non siano generalizzati: «Questo potrebbe voler dire - afferma l'analista - che si tratta più di un fatto sporadico che di un vero e proprio trend». Intanto, però, il capitolo mette a segno parecchi ribassi frazionali, come per esempio il -0,1% a Roma, il -0,2% a Firenze e a Milano e il -0,3% a Bologna.
Procede invece senza soluzione di continuità il calo dei prezzi alla voce comunicazioni, che anche se non pesa molto sul totale non teme confronti quanto a numeri. «In questo settore - osserva Berardi - i maggiori benefici si hanno sul fronte dei cellulari, i cui prezzi sono scesi del 20% anche grazie all'indebolimento dell'euro».
Quanto al futuro, se tutti si dicono concordi sul fatto che l'inflazione prima o poi scenderà, diverse sono le valutazioni sui tempi. Berardi azzarda già da questo mese, assicurando che domani l'Istat fisserà il dato al 2,2%. Secondo Guida, invece, non se ne parlerà prima dell'estate, quando «ci sarà un effetto inferiore del petrolio, probabilmente a partire da luglio». Per Giani, invece, si dovrà andare ancora più in là: «Rimarremo al 2,3% - prevede - per tutta l'estate. Una discesa, ma non sotto il 2%, arriverà solo a fine anno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Visco, bisogna rafforzare la crescita

Visco, bisogna rafforzare la crescita

 
Visco, guerra commerciale è freno

Visco, guerra commerciale è freno

 
Domani sciopero Air France, ok 75% voli

Domani sciopero Air France, ok 75% voli

 
Ai più poveri solo 1,8% dei redditi

Ai più poveri solo 1,8% dei redditi

 
Ue-Messico, stop a barriere commercio

Ue-Messico, stop a barriere commercio

 
Cottarelli, Lega-M5S? spread non sale

Cottarelli, Lega-M5S? spread non sale

 
Padoan, crescita Italia solida

Padoan, crescita Italia solida

 
Invimit,burocrazia fa più paura di mafia

Invimit,burocrazia fa più paura di mafia

 

MEDIAGALLERY

Lecce, bullismo a scuola

Lecce, bullismo a scuola

 
L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo delle coste salentine

L'inseguimento in mare dello scafista con una tonnellata di droga al largo coste salentine

 
La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

 
Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

 
Puglia, Papa Francesco ad Alessano

Puglia, Papa Francesco ad Alessano

 
Papa Francesco celebra messa a Molfetta

Papa Francesco celebra messa a Molfetta

 
Papa Francesco

Papa Francesco da Alessano a Molfetta: tappe sui luoghi di don Tonino Bello

 
Bradanica, dopo 50 anniaperti i primi 8 chilometri

Bradanica, dopo 50 anni
aperti i primi 8 chilometri

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Trovata una fossa comune in Siria

Trovata una fossa comune in Siria

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Economia TV
Sempre piu' poveri

Sempre piu' poveri

 
Italia TV
Raviolo day, dall'Italia al Messico

Raviolo day, dall'Italia al Messico

 
Spettacolo TV
Maratona sentimentale in salsa francese

Maratona sentimentale in salsa francese

 
Calcio TV
Storica impresa del Benevento: batte 1-0 il Milan a San Siro

Storica impresa del Benevento: batte 1-0 il Milan a San Siro

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 22 aprile 2018

Previsioni meteo per domenica, 22 aprile 2018

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin