Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 11:59

Nuove etichette per gibi Ogm

Un vademecum di Coldiretti per riconoscere i cibi biotech sugli scaffali, che al momento riguarda prodotti per alimentazione umana contenenti o derivate da soia, colza e mais non provenienti dall'Italia
ROMA, 18 aprile 2004 - Con la riapertura domani dei negozi alimentari l'eventuale presenza di organismi transgenici dovrà essere obbligatoriamente indicata nelle etichette degli alimenti e dei mangimi commercializzati in tutta l'Unione Europea grazie ad un sistema di rintracciabilità ed etichettatura «dalla fattoria al supermercato» che dovrà essere garantita da adeguati controlli, per consentire ai consumatori e agli agricoltori di distinguerli da quelli tradizionali. E' quanto ricorda la Coldiretti, che ha elaborato un vademecum per riconoscere i cibi biotech sugli scaffali, in riferimento all'entrata in vigore dei Regolamenti CE. La nuova normativa sull'etichettatura degli alimenti biotech - precisa la Coldiretti - riguarda attualmente prodotti per alimentazione umana (come gelati, oli, merendine e farine) contenenti o derivate da soia, colza e mais non provenienti dall'Italia, dove resta il divieto di coltivazione.
Gli Ogm importati o prodotti nell'Unione Europea dovranno infatti essere identificati con un codice che sarà trasmesso dagli operatori lungo tutta la catena alimentare e la loro presenza negli alimenti dovrà essere indicata in etichetta se superiore allo 0,9% (0,5% per quelli in corso di autorizzazione), mentre non è ammesso alcun margine per gli Ogm non autorizzati.
La presenza di Ogm - precisa la Coldiretti - deve essere indicata su tutti gli alimenti venduti preconfezionati e sfusi e in particolare ingredienti, additivi e atomi prodotti a partire da Ogm sono assoggettati all'obbligo di etichettatura Ogm che vale anche nelle ipotesi in cui non siano rilevabili tracce di proteine/DNA geneticamente modificato.

VADEMECUM PER RICONOSCERE I CIBI BIOTECH SUGLI SCAFFALI
1) La presenza di Ogm deve essere indicata su tutti gli alimenti venduti preconfezionati e sfusi e in particolare, tutti gli ingredienti, additivi e atomi prodotti a partire da OGM, sono assoggettati all'obbligo di etichettatura OGM che vale anche nelle ipotesi in cui non siano rilevabili tracce di proteine/DNA geneticamente modificato (esempio prodotti raffinati come olio di semi OGM);
2) Per gli alimenti preconfezionati senza lista degli ingredienti l'indicazione relativa all'origine OGM deve apparire sull'etichetta attraverso la menzione «geneticamente modificato» o «prodotto da (nome dell'ingrediente) geneticamente modificato» (Esempio: «mais geneticamente modificato» in preparati per polenta);
3) Per gli alimenti preconfezionati con elenco degli ingredienti l'indicazione dell'ingrediente deve essere completata dall'informazione sull'origine OGM (Esempio: «sciroppo di glucosio prodotto da mais geneticamente modificato»);
4) Per gli alimenti venduti sfusi o imballati in confezioni di superficie inferiore a 10 cm2 l'informazione relativa all'origine OGM dovrà essere resa evidente sull'espositore o sull'imballaggio: (Esempio: «pane con farina di soia prodotta da soia geneticamente modificata»). Il prodotto contenente o costituito da un «OGM» (esempio germogli di soia geneticamente modificati in vendita al reparto verdure o contenuti in un'insalata) deve venire presentato con indicazione apposita (Esempio: «questo prodotto contiene soia geneticamente modificata»).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione